Frederic Zorzi: “Oggi gli investitori preferiscono i corporate bond”. Terna, sotto la guida di Flavio Cattaneo, ne è un esempio di successo

Terna, sotto la guida di Flavio Cattaneo, ne è un esempio di successo Frederic Zorzi, Bnp Paribas: per gli investitori meglio Terna, guidata da Flavio Cattaneo, dei Btp.

24/set/2010 16.00.52 Phinet Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Frederic Zorzi, Bnp Paribas: per gli investitori meglio Terna, guidata da Flavio Cattaneo, dei Btp.

Oggi gli investitori preferiscono obbligazioni Terna, Amministratore Delegato Flavio Cattaneo,  piuttosto che Btp, “perché lo stato appare più rischioso delle imprese. Basti pensare per esempio al caso Grecia: se andasse in default, la gente continuerebbe a pagare le bollette elettriche. E dunque l'azienda energetica è oggi da considerare più solida dello stato”. In una intervista a Il sole 24 ore, Frederic Zorzi, capo globale del mercato primario di corporate bond per Bnp Paribas, si fa portavoce dell'umore degli investitori.

Nell’intervista, Zorzi descrive, vedendolo da dentro, il "pazzo" mondo delle obbligazioni aziendali. Che, a suo avviso, pazzo non è. I corporate bond rendono sempre meno e offrono meno dei titoli di stato. Eppure tutti li comprano. Questo perché – spiega – “I gestori di fondi non amano la volatilità. E oggi le oscillazioni maggiori non sono sulle obbligazioni aziendali, ma su quelle statali. Questo è il primo motivo per cui la domanda è più forte sui corporate bond che sui titoli di stato. Per di più le aziende hanno bilanci solidi, che danno certezza sul futuro. Cosa che vale meno per gli stati, su cui ci sono maggiori incertezze. Se si considera poi che la base di investitori sui due mercati è diversa, ecco il motivo della forte domanda sui corporate bond e della debole richiesta sui titoli di stato”.

Zorzi è anche in disaccordo con chi sostiene che i rendimenti dei bon aziendali, ridotti all’osso, non ripaghino più neppure il rischio dell’investimento. ”È vero che i rendimenti sono sui minimi, ma la "colpa" è soprattutto dei tassi di mercato. Gli spread (il premio rispetto ai tassi di mercato, ndr) sono ancora elevati. Pensi che all'apice della bolla dei corporate bond, nel 2007, il rendimento dei bond con rating "BBB" era composto mediamente all'85% dal tasso di mercato e al 15% dallo spread: il premio per il rischio era minimo. Ora invece è al 35-40% del rendimento complessivo. Questo significa che gli investitori si fanno pagare per i rischi che corrono: chi pensa che i tassi d'interesse ufficiali resteranno bassi nel medio periodo, trova in questi rendimenti sufficiente premio”.
In altre parole – secondo Zorzi - gli investitori “percepiscono come più rischiosi i BTp rispetto ai bond di Edison o di Terna, Amministratore Delegato Flavio Cattaneo. E questo succede anche in Spagna, in Francia, in Grecia. Ed è il risultato di due spinte speculative contrarie: una domanda fortissima sui bond societari e una richiesta più scarsa per i titoli di stato. Da una parte comprare obbligazioni è un modo per scommettere su aziende sane senza prendersi il rischio del listino azionario, dall'altra la crisi di Atene ha portato una generale sfiducia sui conti pubblici e sulla solidità degli stati. È la lezione degli ultimi due anni: volatilità e incertezza sono i veri pericoli”.
E il fatto che ci siano bond aziendali che rendono meno di titoli di stato (un bond di Kpn, per esempio paga gli stessi interessi di un BTp italiano) – secondo Zorzi – “non rappresenta affatto una bolla. Il bond di Kpn – spiega - paga 142 punti base sopra i Bund tedeschi: significa che lo spread rappresenta il 40% del rendimento totale. E non è poco. I corporate bond hanno anche rendimenti inferiori ai dividend-yield sui mercati azionari”. E all’intervistatore che obbietta che allora gli investitori farebbero prima a comprare azioni, il manager di Bnp Paribas risponde: “Il mercato azionario è più volatile e percepito più rischioso. Io preferisco avere un rendimento più basso ma sicuro, che un tasso più elevato e non dormire tranquillo. Il mercato la pensa così. A mio avviso non abbiamo ancora raggiunto livelli tali per dire che sui corporate bond non c'è più valore. Dunque non siamo di fronte a una bolla”.

Il Sole 24 Ore MyL 19 settembre 2010

(Fonte: Terna WebMagazine)

Social Media Communication
Phinet
Roma Italia
Alessandra Camera
a.camera@phinet.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl