CESSIONE DEL QUINTO PER DIPENDENTI DELL'ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

05/gen/2011 12.31.07 PrestitoaStatali.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il prestito tramite cessione del quinto è, per legge, un diritto per tutti i dipendenti pubblici, anche gli appartenenti all’Istituto Nazionale della Nutrizione (INN). Infatti, questo diritto viene regolato nella legge 180 del 1950.

La cessione del quinto, per i dipendenti dell’Istituto Nazionale della Nutrizione (INN),è una tipologia di prestito personale che rientra nella categoria dei prestiti non finalizzati e si restituisce in modo rateale. Questo prestito presenta delle caratteristiche particolari, riservate ai dipendenti pubblici, che fanno della cessione del quinto uno dei prestiti con maggiore richiesta negli ultimi anni tra i dipendenti pubblici e statali.

Fra i diversi vantaggi della cessione del quinto, per i dipendenti dell’ Istituto Nazionale della Nutrizione (INN), si sottolinea la comodità di restituzione, senza possibilità di insolvenze o ritardi nel pagamento delle rate mensili poiché è il proprio datore di lavoro, in questo caso l’Istituto Nazionale della nutrizione (INN), il responsabile del pagamento ogni mese all’ente erogante. 

Inoltre, la cessione del quinto è possibile anche per quei dipendenti dell’Istituto Nazionale della Nutrizione (INN) che nel passato non sono stati ottimi pagatori, ossia con segnalazioni nel CRIF, pignoramenti o protesti. Il suo contratto, a tempo indeterminato e lo stipendio fisso, funzionano come garanzia di fronte all’ente erogante. D’altra parte, gli appartenenti all’Istituto Nazionale della Nutrizione (INN) potranno usare liberamente l’importo ottenuto senza dovere giustificare con documenti la motivazione della richiesta di cessione del quinto giacché, come abbiamo già detto, è un prestito non finalizzato.

L’importo ottenibile e il numero di rate dipendono da diversi fattori. Prima di tutto, è possibile dilazionare il prestito da 24 a 120 mesi; la somma poi varia in base al numero di rate e alla tipologia di stipendio del richiedente. La rata mensile per la restituzione del prestito però, non potrà mai superare una quinta parte del compenso mensile del dipendente dell’Istituto Nazionale della Nutrizione (INN).

Dunque, la cessione del quinto si presenta come la soluzione migliore per i dipendenti dell’Istituto Nazionale della Nutrizione (INN) nel caso di urgenze improvvise di liquidità. È un prestito comodo, semplice da ottenere e veloce. Per qualsiasi dubbio puoi chiedere a noi di PrestitoaStatali.it.

Lo Staff PrestitoaStatali.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl