ESISTONO I PRESTITI A TASSO ZERO?

Se si fa attenzione si noterà che nelle pubblicità dei prestiti a tasso zero, questa dicitura viene accompagnata dalla frase "TAEG variabile".

16/feb/2011 09.20.46 PrestitoaStatali.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Quando si sente parlare di prestiti e finanziamenti a tasso zero non dobbiamo credere al 100% a ciò che stiamo sentendo. I prestiti a tasso zero infatti tranne in alcuni casi specifici e circoscritti, in realtà, non esistono. 


I casi specifici a cui ci riferiamo sono i prestiti a tasso zero concessi da un ente statale ad esempio in favore in una determinata categoria di dipendenti; in queste circostanze infatti la restituzione riguarda la mera liquidità ricevuta, senza alcun tipo di sovraccarico.

Se si fa attenzione si noterà che nelle pubblicità dei prestiti a tasso zero, questa dicitura viene accompagnata dalla frase “TAEG variabile”. Ecco perché il tasso zero non ha mai valore nullo.

I tassi d’interesse applicati ai prestiti sono composti da TAN – tasso annuo nominale - e TAEG – tasso annuo effettivo globale; il primo può essere anche pari a zero, da qui la dicitura prestiti a tasso zero. Per il TAEG invece è molto più difficile che non sia valorizzato: esso infatti comprende le spese di apertura della pratica, la percentuale di guadagno dell’istituto di credito, le spese accessorie, etc. ed è variabile in base all’importo di liquidità richiesta, all’ente erogatore. Il TAEG insomma non è altro che l’indicatore di costo effettivo dei prestiti.

Entrambi i tassi incidono sull’importo della rata di rimborso dei prestiti, nel caso si tratti di un prestito a tasso zero invece a incidere sarà solo il TAEG, ma sarà presente comunque una percentuale di spesa aggiuntiva che tecnicamente non rende il finanziamento in concreto a tasso zero.

Senza entrare troppo nello specifico, esiste una motivazione piuttosto intuitiva per la quale i prestiti a tasso zero non esistono: se esistessero questo si tradurrebbe in una vera e propria donazione dell’ente di credito che quindi diventerebbe un istituto benefico in quanto non avrebbe alcun margine di guadagno sulla transazione eseguita. Nel TAEG infatti viene compreso anche il compenso dell’ente che ha materialmente erogato il denaro richiesto.

È importante quindi, davanti ai prestiti a tasso zero, rivolgersi sempre ad agenzie competenti e professionali, per ricevere informazioni precise e avere quindi il polso reale delle spese che si stanno per affrontare.

(Per approfondire visita la sezione d'interviste e video di PrestitoaStatali.it) 

 

Lo Staff PrestitoaStatali.it 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl