Come agiscono le centrali rischi

02/lug/2011 07.52.26 Camilla Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Prestiti protestati. Hai sentito spesso nominare questo termine senza sapere in realtà di cosa si trattasse? Molto spesso, soprattutto in ambito economico – finanziario, non si è mai a conoscenza del giusto significato di un termine. Questo è male, perché è da questi cavilli che nascono poi situazioni di fraintendimento. Se ti dovessero chiedere se il prestito che ti ha concesso al tua banca è protestato, tu sapresti rispondere??  Il protesto è la situazione in cui avviene un mancato pagamento di un assegno, di una cambiale, a un privato o ad una banca. Se uno stesso soggetto fa si che tale situazione si verifichi spesso, allora entra in causa la condizione di cattivo pagatore oppure protestato. I prestiti protestati quindi sono le concessioni in denaro a favore dei cattivi pagatori.

Da dove le banche possono cogliere le informazioni in relazione al soggetto che fa richiesta di prestito? Nelle centrali rischi. Queste forniscono al sistema finanziario e bancario tutte le informazioni inerenti alla  posizione creditizia dei clienti che ricorrono al credito. Le centrali rischi possono essere sia pubbliche che private:

-        Centrale rischi pubblica viene gestita dalla Banca d’Italia e viene consultata nel caso di finanziamenti superiore a 75.000 euro;

-        Centrale rischi pubblica è gestita dalla Società Interbancaria per l’Automazione (SIA) anche se sotto la vigilanza della Banca d’Italia. Viene interpellata per i finanziamenti di importi che vanno da un minimo di 30.000 euro ad un massimo di 75.000 euro;

-        Centrali rischi private vengono chiamate in causa per finanziamenti di importo inferiore a 30.000 euro.

Nel 2005 il codice deontologico per i sistemi di informazioni creditizie è variato : prima di quest’anno le centrali rischi private conservavano il nominativo dei "cattivi pagatori" per più di 5 anni e questo comportava maggiori difficoltà la concessione di ulteriori prestiti online anche nel caso in cui il cliente fosse riuscito a regolarizzare la sua posizione. Adesso invece i tempi massimi di conservazione dei dati sono passati a 3 anni.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl