Gli investitori del web

18/lug/2011 11.46.14 linkbildung Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Mediamente, ormai 2 italiani su 3 che navigano su internet, decidono anche di aprire un conto online, e lanciarsi in investimenti finanziari.
L'atteggiamento generale però, rispetto a qualche tempo fa, è decisamente più prudente, sia nell'ambito degli investimenti sia sul versante dei finanziamenti.

Secondo recenti statistiche, il numero di coloro che dichiara di avere un conto corrente gestito direttamente su internet e di fare investimenti è sceso dal 36% al 26%.
La maggioranza del popolo web, circa il 45%, dichiara di non investire i risparmi poiché non è in grado, o forse ha paura di sbagliare. Si pensi alla scarsa dimestichezza coi numeri e con la finanza, laddove anche un semplice 0, in realtà può cambiare totalmente la natura e l'ammontare delle nostre operazioni.

Tra gli strumenti d’investimento preferiti dagli italiani più attivi sul web, al primo posto (circa il 35% del campione) svettano i conti deposito, che abbinano un conto corrente a una gestione attiva dell’eccedenza. Seguono i fondi comuni (33%), azioni e derivati (32%) e le polizze vita (25%).

Infine ci sono i titoli di stato italiani (24%), i buoni fruttiferi postali (22%) e le obbligazioni bancarie (22%). Fra i sottoscrittori di fondi comuni si diffonde l’uso del web, con un terzo degli intervistati che dichiara di usare internet per le compravendite o gli switch tra prodotti.
Un cliente su tre rimane fedele alle raccomandazioni del proprio istituto bancario, ed è proprio questo l'aspetto singolare della ricerca condotta; infatti nonostante tutti i guai che hanno afflitto la finanza e le banche internazionali, gli italiani contuinuano ad affidarsi comunque al parere degli operatori più autorevoli.
C'è chi invece, addirittura, arriva ad assumere un proprio gestore patrimoniale, onde evitare di dover scegliere da solo l'investimento più in linea con le proprie esigenze, delegando così il tutto a un altro soggetto. Non è detto però che quest'ultimo faccia sempre il meglio, o ancora sappia adottare un metro oggettivo per le proprie valtuazioni.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl