Repubblica 31 marzo 2011: Terna, Flavio Cattaneo, anche grazie alle rinnovabili alza utili e dividendo

Repubblica 31 marzo 2011: Terna, Flavio Cattaneo, anche grazie alle rinnovabili alza utili e dividendo.

Persone Luca Pagni, Luigi Roth, Flavio Cattaneo
Luoghi Brasile
Organizzazioni Enel
Argomenti finanza, economia

23/set/2011 15.47.38 Phinet Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Terna, AD Flavio Cattaneo, è tra le società più amate dai fondi di investimento. E il motivo è presto detto: perché ogni anno alza il monte dividendi, convincendo in questo modo le istituzioni finanziarie a metterla nel loro portafoglio titoli. Facendo salire così la quotazione in Borsa.

Un circolo, in questo caso, virtuoso che si è ripetuto anche per il 2010, come dimostrano i numeri forniti ieri dal presidente Luigi Roth e lad Flavio Cattaneo, entrambi in cerca del loro terzo mandato. Giusto per presentarsi bene all’appuntamento, va detto che Terna ha presentato risultati record: ricavi in crescita del 14,3% a 1,58 miliardi, margini in salita del 17,1% a 1,17 miliardi e, manco a dirlo, utile netto che è incrementato del 31,8% a 466 milioni. Da qui, un’ulteriore crescita del dividendo proposto che è pari a 21 centesimi per azione (+10,5% rispetto a un anno fa).

Del resto, Terna è di suo una macchina da soldi: gestendo la rete elettrica nazionale ad alta e altissima tensione ha un monopolio di fatto. La capacità del management è stata quella di averla resa più efficiente, aumentato gli investimenti da quando è stata staccata proprietariamente da Enel e aver indovinato alcune operazioni. Ad esempio, l’acquisizione di una rete elettrica in Brasile che è stata venduta con ricca plusvalenza, così come è avvenuto per la creazione di una società per la gestione di impianti fotovoltaici realizzati attorno alle aree di proprietà di Terna, attorno ai tralicci e venduta a un fondo di investimento con una plusvalenza per 204 milioni di euro. Anche grazie a queste operazioni, Terna ha distribuito in sei anni 2 miliardi di dividendi, con un incremento medio annuo del 10%.

In ultimo, va ricordato che la redditività di Terna è legata alla quantità di investimenti - così come è previsto da alcune delibere dell’Autorità dell’energia - e non deve quindi stupire se è aumentato l’indebitamento netto a 4,7 miliardi rispetto ai 3,7 di un anno prima. Ma questo è anche il frutto "dell’accelerazione degli investimenti per lo sviluppo della rete che raggiungono i 1.671,7 milioni di euro (+30%), per oltre mille chilometri di nuovi elettrodotti e 48 nuove stazioni".

Fonte: Repubblica Luca Pagni

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl