Il dl “Milleproroghe” posticipa per Agenti e Mediatori la vigilanza della Banca d’Italia, sostituita dall’OAM il 1 luglio 2014.

08/gen/2014 11:33:22 maxema Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il decreto legislativo “Milleproroghe” approvato dal Consiglio dei Ministri il 29 dicembre 2013, porta per questo nuovo anno una novità riguardante il settore della mediazione creditizia. Con il decreto legge, si proroga per tutti gli Agenti in Attività Finanzia e i Mediatori creditizi la vigilanza della Banca d’Italia fino al 30 giugno 2014.

Il decreto legge prevede che l’attività di controllo sul rispetto della correttezza e della trasparenza da parte degli Agenti e Mediatori passi sotto il controllo dell’OAM, l’Organismo per la gestione degli elenchi di Agenti in Attività Finanziaria e Mediatori creditizi, dal 1 luglio 2014 e non dal 1 gennaio 2014 come previsto inizialmente, pertanto sarà la Banca d’Italia per altri sei mesi, a verificare l’attività degli Agenti in Attività Finanzia e dei Mediatori creditizi che operano in istituti di moneta elettronica ed istituti di pagamento comunitari, accertando che rispettino la normativa. I controlli della Banca d’Italia sull’operato degli intermediari del credito saranno svolti con l’ausilio della Guardia di Finanza. Successivamente trascorsi i 6 mesi, dal 1 luglio 2014 la funzione di vigilanza passerà all’OAM.

Come comunicato da Bankitalia, l’OAM ha portato a termine tutti i procedimenti riguardanti gli Agenti e Mediatori che hanno beneficiato del periodo transitorio previsto dall’art.26 del dlgs n. 141/2010. Questi soggetti potranno pertanto continuare ad operare esclusivamente se iscritti negli elenchi dell’OAM. Il regime transitorio permane invece per quei soggetti per i quali è tuttora in corso la procedura d’iscrizione, l’operatività sarà consentita fino all’accoglimento o al rigetto dell’istanza di iscrizione presentata dall’OAM.

L’Organismo che nasce nel 2011 con la funzione di gestire gli elenchi degli Agenti e dei Mediatori, per rimettere ordine in un settore caratterizzato dall’abusivismo ed accrescere il livello di professionalità dell’intero comparto degli intermediari del credito, ha favorito l’adeguamento alla normativa di molti soggetti del settore che hanno realizzato gli obblighi formativi previsti dall’OAM accrescendo la propria competenza e serietà.

La formazione degli intermediari è uno dei requisiti indispensabili per avere una clientela che nel rivolgersi a banche o società finanziarie per ricevere un finanziamento sia informata e tutelata.

E’ per questo motivo che gli Agenti in Attività Finanziaria e i Mediatori creditizi che intendono iscriversi negli elenchi dell’OAM devono possedere tra i requisiti di professionalità, la frequenza ad un corso di formazione sulle materie rilevanti per l’esercizio dell’attività.

Il corso di formazione può essere erogato esclusivamente da enti di formazione accreditati.

Il corso di formazione che distribuiamo in collaborazione con la LUISS BUSINESS SCHOOL - Divisione Luiss GUIDO CARLI ha l’obiettivo di fornire le conoscenza adeguate a svolgere l’attività di Agenti in Attività Finanziaria e  Mediatori creditizi.

Solo dopo aver frequentato tale corso, sarà possibile, poter accedere alla prova Esame OAM ed essere iscritto definitivamente negli elenchi degli Agenti in Attività Finanziaria e dei Mediatori creditizi, adeguandosi alla normativa vigente.

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl