Serti acquista Tributi Italia, via libera dal Ministero dello Sviluppo Economico

09/gen/2014 12:57:27 lamescolanza Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa

Serti Spa: tecnologia all’avanguardia per combattere l’evasione


La Società europea riscossione tributi e imposte (Serti Spa) ha acquisito Tributi Italia in Amministrazione Straordinaria dal 2010. L’azienda di Chiavari è stata la prima società privata italiana di riscossione dei tributi locali. 
L’atto di acquisto del ramo di Tributi Italia in AS, è stato siglato oggi, a Roma, nella sede del Ministero dello Sviluppo Economico, dal presidente di Serti Spa, Carlo Fresa, e dal Commissario Straordinario di Tributi Italia, Luca Voglino.

Serti Spa, attraverso l’impiego di tecnologie all’avanguardia punta ad attivare un sistema di riscossione più efficiente, che determini un concreto effetto di deterrenza all’evasione, migliorando al contempo la soddisfazione dei contribuenti. La società presieduta dal Professor Fresa, infatti, ha sviluppato un portale mirato al miglioramento e alla semplificazione della gestione del rapporto con il cittadino. Il Ministero dello Sviluppo ha avallato l’operazione di acquisto di Tributi Italia in As ritenendo che il piano industriale formulato da Serti Spa è congruo e volto a mantenere in attività l’azienda, assicurandone lo sviluppo secondo le richieste della Procedura. A fare da advisor, il prestigioso studio Livolsi.

Il mantenimento delle quote occupazionali è pari alla totalità degli attuali occupati di Tributi Italia in AS. Infatti, in base ad un accordo siglato lo scorso 30 dicembre da Serti, Tributi Italia in AS e dai rappresentati delle organizzazioni sindacali del settore terziario, i 371 lavoratori in cassa integrazione non perderanno il posto poiché, al termine della cigs, verranno assunti ex novo dalla Società europea riscossione tributi e imposte, in un quadro di compatibilità economica dell’attività aziendale che Serti intende riavviare su tutto il territorio nazionale. 
La Società europea riscossione tributi e imposte, nello specifico, procederà da subito all'assunzione ex novo di 354 impiegati, 14 operai e 3 dirigenti. I lavoratori che entreranno immediatamente in servizio saranno 36 per le prioritarie esigenze tecnico-organizzative di Serti Spa nella fase di avvio dell’attività, che sono esclusivamente costituite dal mantenimento dell’operatività delle convenzioni cedute da Tributi italia. Agli altri lavoratori in forza a Tributi Italia verrà comunque riconosciuto, da parte di Serti, il diritto di prelazione nelle assunzioni, a parità di mansioni, fino al 31 dicembre 2015. 
La società europea riscossione tributi e imposte si colloca così tra le aziende leader nella gestione delle entrate tributarie e patrimoniali dell’Ente locale, al quale garantisce tutto il supporto e l’assistenza necessaria in ogni fase del processo di amministrazione delle entrate, dei servizi e dei costi. Tutto questo anche mediante l’ausilio delle più moderne tecnologie. A tal fine è giunta quasi al traguardo un’intesa con una multinazionale americana leader nel settore informatico.
Serti Spa è iscritta all’Albo Nazionale dei Concessionari abilitati alla riscossione, ai sensi dell’articolo 53 del D. Lgs. 446/1997 e del D.M. 289/2000 al numero 174.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl