Tutele per chi subisce un fallimento immobiliare

23/mar/2014 05.26.41 ange Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Abbiamo visto come la legge 210 del 2 agosto 2004 delega il Governo ad emanare i decreti attuativi, entro sei mesi, sulla base dei principi enunciati nella legge, per tutelare non solo gli acquisti effettuati dopo l’entrata in vigore (agosto 2004), ma anche per quelli effettuati nel precedente decennio e rimasti invischiati nelle procedure fallimentari. Le nuove tutele si esplicano attraverso:
La trascrizione dei contratti preliminari;
L’obbligo del costruttore di consegnare all’acquirente, prima della stipula del preliminare, una fideiussione bancaria o assicurativa d’importo pari alle somme versate o da versare, per l’intero prezzo di compravendita;
L’obbligo del costruttore di fornire garanzie per il risarcimento del danno derivante da vizi o difformità sorte dopo la stipula del contratto preliminare;
L’istituzione di un fondo di solidarietà per le vittime dei fallimenti immobiliari dell’ultimo decennio.
All’indomani del varo della legge si era già creato un vero e proprio dubbio interpretativo, che nemmeno la bozza del decreto è riuscito a dipanare: le imprese sarebbero state costrette a fornire una fideiussione a garanzia per l’intero valore dell’immobile già dalla firma del preliminare, quando in realtà gli acconti incassati coprono una minima parte del valore?
Sulla materia si è espressa la Commissione di Giustizia della Camera che ha marcato l’accento su tre condizioni essenziali:
1. “Nell’ipotesi di pagamenti frazionati nel tempo l’obbligo di restituzione e la relativa garanzia fideiussoria sorgono via via che i pagamenti vengono effettuati, contestualmente ad essi e per pari importo”. Questo vuol dire che la fideiussione coprirà di volta in volta solo gli anticipi e le rate pagate dagli acquirenti.
2. l’acquirente verso il quale scatta la garanzia può essere solo una persona fisica, e non una società o una cooperativa.
3. …
Ora le osservazioni della Camera saranno trasmesse al governo che dovrà provvedere alla seconda stesura del decreto.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl