Terna sviluppo rete: investimenti e benefici per famiglie, imprese e ambiente

08/mag/2014 15.30.59 DailyFocus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La rete di trasmissione nazionale è un “organismo” complesso in continua evoluzione. Ternagestisce e sovrintende al funzionamento di questa grande rete che collega come una grande autostrada dell’energia in Alta Tensione l’intera Penisola e costituisce uno degli asset infrastrutturali cruciali del Paese. Risparmi a beneficio dei cittadini, delle imprese e dell’ambiente: 19 miliardi di euro, grazie alle nuove opere realizzate e in via di realizzazione e riduzione dei costi del dispacciamento e delle tonnellate annue di emissioni di CO2 grazie alla maggiore efficienza del servizio e alla conseguente riduzione delle perdite di rete.

LogoTerna_210

Per capire con pochi numeri di cosa parliamo, diamo un occhio agli ultimi anni dal 2005: investimenti, circa 8 miliardi di euro per lo sviluppo della rete con una crescita media annua di oltre il 20%, circa 2.500 km di nuove linee e 89 nuove stazioni elettriche realizzate.

Al tempo stesso, sono circa 800 i km di vecchi elettrodotti dismessi: progetti di riassetto per una integrazione tra sviluppo infrastrutturale e compatibilità ambientale e territoriale, a testimonianza degli approcci sostenibili di Terna, da sempre attenta agli impatti ambientali e sociali delle attività d’impresa. La razionalizzazione della rete, il suo “riassestamento” continuo tipico di un “organismo” in movimento evolutivo, in molti casi permette di ottenere effetti ambientali complessivi molto positivi, anche in termini di restituzione di territorio e recupero dei materiali.

La realizzazione dei principali interventi del Piano decennale di sviluppo, per esempio, permetterà, a fronte della realizzazione di nuove linee per 450 km, lo smantellamento definitivo di circa 1200 km di linee già esistenti: la rete Terna tende a diventare sempre più leggera ed efficiente. Diamo uno sguardo all’indotto: 4.000 lavoratori impiegati ogni giorno sui cantieri aperti in tutta Italia e 750 ditte fornitrici. In totale circa 2.000 fornitori all’anno, in maggioranza aziende italiane e di piccole dimensioni. In sintesi i risparmi a beneficio dei cittadini, delle imprese e dell’ambiente: 19 miliardi di euro, grazie alle nuove opere realizzate e in via di realizzazione, oltre che alla riduzione dei costi del dispacciamento e tonnellate annue di emissioni di CO2 grazie alla maggiore efficienza del servizio e alla conseguente riduzione delle perdite di rete.

FONTE: Terna

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl