Skema e Campus Rimini: tre borse di studio per tre Tesi da 110 e lode

13/dic/2018 19:20:42 Skema Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Sono tesi di ricerca lavori di ricerca su casi di successo e buone pratiche d’impresa legate al territorio. Insieme al massimo dei voti, tre neolaureati ricevono altrettante borse di studio per i loro master o specializzazioni. Lo studio di consulenza aziendale Skema premio i lavori di ricerca in economia e finanza degli studenti di Uni.Rimini


 

Rimini, 13 dicembre 2018 – Skema festeggia i suoi 25 anni di attività, con un’iniziativa destinata a rinnovarsi anno dopo anno: premiare con borse di studio i tre migliori laureati in economia del Campus riminese.


“Insieme ai docenti del Campus Rimini dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna e Uni.Rimini, abbiamo preso in esame tesi molto interessanti. Crediamo sia importante riconoscere il merito e le capacità di questi giovani. Comunicare che serietà, lavoro, impegno, vengono premiate, come avvenuto per questi tre neo laureati è un messaggio importante – ha spiegato Stefano Fabbri uno dei fondatori e partner di Skema - Soprattutto, dimostra l’importanza della collaborazione tra aziende, imprese e Università. È un’iniziativa che il nostro studio rinnoverà anche nei prossimi anni”.

  

E i primi riconoscimenti sono stati consegnati ieri durante l’appuntamento “Cultura d’Impresa 2018”, svoltosi nell’aula magna dell’ateneo cittadino.  A ricevere il primo premio (1.500 euro) è stato Francesco Gabellini. Un algoritmo, creato dal giovane studente ha reso possibile il dialogo tra banche dati di ABI e Bankitalia e una valutazione sugli effetti di fusioni e acquisizioni tra istituti di credito. L’esito non si traduce subito in un aumento degli utili ma in una maggiore efficienza. Scendono costi gestionali, aumenta offerta di prodotti e servizi, diminuisce il costo per i clienti.


 

Nella tesi di Ilaria Pasini (1.000 euro), il focus era l’erogazione di credito a privati, da parte di una “BCC” del territorio: “Banca Malatestiana”. Ha analizzato i profili di rischio insolvenza di un campione di 242 persone fisiche richiedenti un mutuo ipotecario. Il risultato evidenzia come le politiche della banca sembrino privilegiare nell’erogazione i soggetti d’età under 45. Mentre gli over 50, gruppo numericamente inferiore del campione, rappresentano invece il gruppo a più alto rischio mancata estinzione debito. 


 

Infine, Giammaria Angelica (500 euro)si è occupata di bilanci sociali. A Rimini, grazie ai progetti di Camera di Commercio, le imprese esprimono un’attenzione in crescita a sostenibilità, tutela ambiente e ricaduta sociale delle attività. Tra le buone pratiche prese in esame SCMFocchiPesaresiPetroltecnicaSGR, è quest’ultima a conquistare la maglia rosa. Il bilancio sociale è chiaro, trasparente e accessibile, un clic sul sito e lo si legge.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl