Flavio Cattaneo e i risultati di una crescita sostenibile: Terna traccia un bilancio del 2008.

17/lug/2009 11.52.58 Ufficio Stampa Extera Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

E' on line sul sito istituzionale di Terna ( www.terna.it ) il Rapporto di Sostenibilità 2008. Quasi 200 pagine per descrivere strategie, scelte, scommesse e traguardi raggiunti nello scorso esercizio. Un modo per raccontare l'approccio sostenibile di Terna, pensato e redatto – spiegano in azienda - in coerenza con le linee guida e gli standard definiti dal GRI (Global Reporting Initiative) e certificato dalla società di revisione KPMG. Molti e particolarmente ambiziosi i risultati ottenuti su questo fronte da Terna nel 2008: nell'ambito della salvaguardia ambientale il gruppo guidato da Flavio Cattaneo ha firmato due importanti accordi di collaborazione con Lipu e WWF.

Il primo finalizzato allo studio dell'interazione tra linee ad alta tensione e avifauna; il secondo con l’obiettivo di integrare criteri ambientali coerenti con la strategia di conservazione del WWF nel processo di pianificazione delle nuove linee elettriche. Grande attenzione, pur in assenza di obblighi derivanti dal Protocollo di Kyoto o da schemi di "emission trading", al contenimento delle emissioni di CO2. I programmi riguardano in particolare il controllo delle perdite di SF6 (gas serra presente in alcune apparecchiature di stazione) e delle emissioni degli automezzi della flotta aziendali. Secondo il Rapporto Italia del Carbon Disclosure Project 2008, Terna è tra le 7 società italiane dell’S&P MIB che hanno elaborato una strategia di riduzione delle emissioni.

Impegno confermato dal recente Patto per la lotta ai cambiamenti climatici siglato il 7 luglio tra il Ministero dell’Ambiente e 11 grandi imprese italiane tra cui Terna, il cui contributo ammonta al 15% sia del totale investimenti attivati con il Patto per l'ambiente (12 miliardi di euro) sia del totale riduzione CO2 (7,5 milioni t/anno). Con 6 opere prioritarie previste dal Piano di sviluppo, Terna contribuirà a ridurre le emissioni di CO2 di 1 milione di tonnellate l'anno, per effetto di un risparmio energetico di circa 440 milioni di kWh annui grazie a minori perdite di rete. Cresce anche la sensibilità nei confronti dei propri dipendenti: in aumento le ore di formazione (27% in più rispetto al 2007); introdotti nuovi strumenti di comunicazione interna e migliorati quelli esistenti. Motivazioni che hanno consentito all'azienda di vincere il Premio Arete per la Comunicazione interna. Positivi i dati relativi alle pari opportunità: maggiore la presenza delle donne in Terna che dal 2005 al 2008 passano dal 9,2% al 10,5% e che per le posizioni manageriali di più elevata qualifica e responsabilità salgono dal 12% al 15% in quattro anni.

Terna risulta inoltre tra le migliori aziende nella prima edizione italiana di CRF Top Employers in base al ranking stilato dall'agenzia olandese CRF che identifica le società leaders nella gestione delle risorse umane con i migliori trends e practices in quanto a cultura aziendale, condizioni lavorative, impegno sociale, innovazione, sviluppo e gestione del talento. In aumento l'impegno sociale e culturale di Terna anche grazie al legame tra le iniziative di solidarietà e quelle aziendali e alle segnalazioni di progetti meritevoli da parte dei dipendenti.

Attraverso il concorso fotografico per i dipendenti CreativinTerna l'azienda ha donato una somma all’Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini e altre risorse sono state devolute a favore di associazioni no profit sul territorio per il sostegno a casi di disagio sociale. L'impegno di Terna per la cultura si è concretizzato nel progetto Premio Terna per l'Arte Contemporanea nato in partenership con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali con cui Terna ha firmato un Protocollo di Intesa per la promozione e la valorizzazione dell'arte contemporanea italiana. Un progetto che è stato sostenuto fin dall'inizio da un'importante collaborazione del mondo dell'arte, della cultura, delle istituzioni e che ha ottenuto anche il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, della Gioventù, del Comune e della Provincia di Roma e la medaglia del Presidente della Repubblica.

Nelle iniziative legate al Protocollo vi è anche il sostegno al MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo – al quale è stato devoluto il primo premio della categoria dedicata agli artisti di fama, destinato alla costituzione del Centro di Documentazione del Museo. Per quanto riguarda i rating di sostenibilità infine, Terna ha incassato prestigiosi riconoscimenti internazionali: è stata riconfermata nel FTSE4Good, l'indice borsistico del Financial Times Stock Exchange di Londra che raggruppa le migliori aziende europee che si distinguono in tema di sviluppo economico sostenibile. Sulla base delle analisi condotte annualmente dall’agenzia di rating etico SAM – Sustainability Asset Management per l'ammissione agli indici Dow Jones Sustainability, Terna si è posizionata tra le migliori 14 utility elettriche sulle 107 esaminate a livello mondiale. Ha ricevuto inoltre la menzione speciale di Sector Mover 2008 che premia le società con maggiori progressi nelle 22 aree della sostenibilità analizzate.

Nell'ambito dell'European Business Awards, che identifica e premia le aziende di maggior successo nei 27 Paesi dell'Unione Europea che si distinguono in ambiti come l'innovazione e l'impegno nello sviluppo sostenibile, Terna ha ricevuto il "Ruban d'honneur" per essere entrata tra le 10 finaliste del premio 2009 nella categoria Corporate Sustainability.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl