L’Agenzia Spaziale Europea sceglie Interoute per la distribuzione sicura ed efficiente dei dati satellitari

14/mag/2010 01.13.52 Interoute Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Roma 12 Maggio 2010 – L’Agenzia Spaziale Europea (ESA), la via d’accesso europea allo spazio, e Interoute, proprietario e gestore della rete di nuova generazione più all’avanguardia in Europa, hanno siglato un accordo grazie al quale Interoute fornirà ad ESA una nuova IP Wide Area Network (WAN) progettata per connettere i siti che ospitano gli Earth Observation (EO) Payload Data Systems in vari paesi europei e in Canada1.

 

I satelliti per l’Osservazione della Terra (EO) eseguono un monitoraggio costante del pianeta, fornendo conoscenze fondamentali sull’impatto di fenomeni globali quali i cambiamenti climatici, lo scioglimento dei ghiacciai, gli incendi, i disboscamenti, oltre ad altri fenomeni che interessano la terra. La Wide Area Network avanzata fornita da Interoute aiuterà ESA a distribuire, conservare e proteggere questi dati importanti. L’ESA aveva bisogno di razionalizzare e potenziare le pre-esistenti connessioni dedicate, al fine di connettere i vari Data Centres di Osservazione della Terra (EO) con le principali piattaforme IT che assicurano l’accesso e la distribuzione ai dati satellitari. Per rispondere a tali esigenze, Interoute ha progettato e proposto una rete privata virtuale (IPVPN) per connettere i 13 siti dell’ESA in modo sicuro ad una singola piattaforma: il backbone MPLS di Interoute.

 

La rete di nuova generazione di Interoute fornirà ad ESA una soluzione sicura e scalabile in grado di consolidare e centralizzare i vari data network, oltre che portare un sensibile risparmio ed una efficienza operativa maggiorata grazie ad un’unica interfaccia per la risoluzione di tutti i problemi legati alla WAN. La soluzione proposta da Interoute include connettività Internet (con accesso a 1,2 Gbps in tutti i siti) totalmente ridondata, accesso sicuro tramite firewall e protezione DDOS.

 

M. Eugenia Forcada-Arregui, Capo del EOP Ground Segment Strategy Management Office di ESA ha commentato: “I network esistenti per la distribuzione e circolazione dei dati legati all’osservazione della terra sono progettati per supportare il PDGS (Payload Data Ground Segment) dell’ESA durante le missioni operative. Un network di distribuzione sicuro ed efficiente e con significative capacità di banda è essenziale per raccogliere, archiviare e distribuire efficacemente gli enormi volumi di dati che arrivano dalle missioni satellitari europee legate all’Osservazione della Terra, ma anche per coordinare circa 15 siti in Europa e per cooperare con la maggioranza degli operatori Europei del ground-segment”. J. Antonio Rodríguez-Vázquez , Capo dei ICT Services & Evolution Section all’ESA-ESRIN ha aggiunto: “Avevamo bisogno di un partner europeo con eccezionali capacità e disponibilità di rete che fosse in grado di assisterci con un team di esperti dedicato e capace di fornire una soluzione in tempi rapidi alle sfide IT che stavamo affrontando. Abbiamo trovato in Interoute il partner che stavamo cercando”.

Gareth Williams, CEO di Interoute ha dichiarato: “Siamo molto orgogliosi di essere parte di questo importante progetto internazionale che ci affianca ad un cliente prestigioso come l’Agenzia Spaziale Europea. Le attività legate all’osservazione della terra hanno un’importanza scientifica e sociale crescente; è per noi un privilegio contribuire a questa missione mettendo la nostra rete, le nostre conoscenze e le nostre persone al servizio di ESA per la realizzazione dei collegamenti veloci e affidabili necessari alla gestione e distribuzione dei loro dati in Europa e nel mondo”.



ESA

L'Agenzia Spaziale Europea è la porta di accesso allo spazio per l’Europa. La sua missione consiste nello sviluppo delle capacità spaziali europee e nella garanzia che gli investimenti effettuati per la conquista dello spazio continuino a produrre vantaggi e ricadute positive per tutti i cittadini europei. Gli stati membri dell'ESA sono 18. Grazie alla coordinazione delle risorse finanziarie e intellettuali dei suoi membri, l'agenzia è in grado di intraprendere programmi e attività ben superiori a quelli possibili alle singole nazioni europee. Il compito dell'ESA è quello di delineare il programma spaziale europeo e quindi di dargli attuazione. I progetti dell'Agenzia sono concepiti per scoprire quanto più possibile sulla Terra, l'ambiente spaziale circostante, il Sistema solare e l'Universo in generale, ma puntano anche allo sviluppo di tecnologie e servizi satellitari e alla promozione delle industrie europee. Inoltre, l'ESA collabora attivamente con le organizzazioni spaziali extra-europee per condividere con tutta l'umanità gli enormi vantaggi derivanti dalla ricerca spaziale. I 18 stati membri dell'ESA sono: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera. Inoltre, Polonia, Romania ed Ungheria sono stati Europei di cooperazione e Canada partecipa ad alcuni progetti in base ad un accordo di cooperazione.



1 3 siti in Italia, 1 in Spagna, 2 in Francia, 1 in UK, 2 in Germania, 1 in Norvegia, 1 in Svezia, 1 in Finlandia e 1 in Canada. I 3 sitei presenti nei paesi nordici si trovano alla stessa latitudine del Circolo Polare Artico.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl