Da Sophos la top ten dei virus più insidiosi

03/ott/2005 13.48.08 Pragmatika Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Buongiorno,

 

segnalo il comunicato stampa Da Sophos la top ten dei virus più insidiosi: in testa i “soliti noti”, resto a disposizione per qualsiasi informazione aggiuntiva.

 

A presto

 

Silvia Voltan

Account Senior

Pragmatika S.r.l.

0516242214 Tel

0516245644 Fax

silvia@pragmatika.it

www.pragmatika.it

 

Sede Milano

C.so di Porta Romana, 51

02 5469635 

 

 

Comunicato stampa

 

Da Sophos la top ten dei virus più insidiosi:

in testa i “soliti noti”

 

Per il secondo mese consecutivo, continua a comandare la classifica dei dieci virus più diffusi  W32/Netsky-P, inventato dal teenager tedesco Sven Jaschan.  

Le varianti del worm Mytob rappresentano circa metà di tutti i virus segnalati nel mese di settembre, mentre sono diminuite le e-mail infette.

Sophos ha inoltre reso nota anche la classica dei 10 falsi allarmi più diffusi.

 

Milano,  3 ottobre 2005

 

Sophos, protagonista mondiale nel settore della protezione da virus e spam e spyware in ambito enterprise, ha reso nota la classifica dei dieci virus più insidiosi e dei dieci falsi allarmi che hanno cercato di colpire le imprese di tutto il mondo durante il mese di settembre 2005.

 

Il rapporto, compilato grazie alle registrazioni effettuate dalla rete globale di stazioni di rilevazione Sophos,  rivela che il worm Netsky-P,  inventato da Sven Jaschan, il teenager tedesco già dichiarato colpevole a distanza di diciannove mesi dal lancio del suo virus, continua a scalare la top ten.

 

Sophos segnala che i virus restano in classifica in media circa  otto mesi. Questo dimostra che un gran numero di utenti è ancora restio a installare e aggiornare la protezione antivirus.

 

I dieci virus più diffusi a settembre sono stati i seguenti:

 

1.    W32/Netsky-P                           18,6%

2.    W32/Mytob-BE                          7,6%

3.    W32/Mytob-AS                          6,8%

4.    W32/Zafi-D                                4,3%

5.    W32/Netsky-D                           3,3%

6.    W32/Mytob-CX                          2,8%

7.    W32/Mytob-EP                          2,7%

8.    W32/Mytob-CJ                           2,6%

9.    W32/Mytob-C                             2,5%

10.  W32/Mytob-CN                          2,0% Re-entry

 

       Altri                                              46,8%

 

Il “numero uno” in classifica, Netsky-P, contro il quale Sophos ha rilasciato la protezione il 22 marzo 2004, ha incrementato la sua predominanza per il secondo mese consecutivo passando dal 14,7% al 18,6%.

Si è registrato anche un incremento nelle segnalazioni di due vecchie conoscenze: Zafi-D e Netsky-D.

Sophos ha rilevato che il trend delle minacce create a scopo di lucro è in aumento. Invece si osserva una flessione degli attacchi basati sull’invio in massa di e-mail infette. I classici virus che si propagano per e-mail hanno mantenuto le posizioni di testa della top ten.

Le varianti del worm Mytob, identificato per la prima volta nel mese di marzo 2005, continuano a rappresentare circa la metà di tutti i virus segnalati nel mese di settembre.

 

"Il predominio ininterrotto di Netsky-P solleva seri interrogativi sul livello di sicurezza attualmente messo in atto da alcuni utenti", ha dichiarato Walter Narisoni, Senior Security Consultant di Sophos Italia. "Le aziende hanno avuto diciannove mesi di tempo per aggiornare il proprio software, ma un numero molto rilevante non lo ha ancora fatto. Non c’è dubbio che sia necessario sensibilizzare ulteriormente gli utenti sui rischi per la sicurezza aziendale che un atteggiamento poco attento può determinare".

 

Il worm Netsky-P si diffonde per e-mail e tramite i sistemi di condivisione dei file su Internet. Affinché il worm venga attivato, è necessario che venga aperto il file infetto.

Il permanere di comportamenti incauti, come dimostrato dal “successo” di Netsky-P, conferma i risultati di un recente sondaggio condotto da Sophos, secondo il quale il 79% dei responsabili IT ritiene che i dipendenti mettano a rischio la sicurezza della propria azienda ignorando le regole per l’uso sicuro di Internet e della posta elettronica.

 

"Non solo le aziende devono preoccuparsi di tenere aggiornata la propria protezione da virus, spyware e spam, ma i responsabili IT devono iniziare a implementare rigide norme di sicurezza per garantire che i dipendenti non vanifichino tale protezione con comportamenti non conformi alle policy aziendali ", ha commentato Narisoni, "Gli attacchi su scala minore e più mirati, sferrati da una generazione emergente di criminali informatici che agiscono a scopo di lucro, sono in netto aumento. Abbiamo quindi il timore che gli utenti, continuando a ignorare le regole sull’’uso sicuro del computer e ad utilizzare soluzioni di protezione non aggiornate, potrebbero costituire un facile bersaglio di questa nuova forma di attacchi".

 

Una nota positiva è rappresentata dalla diminuzione, per la quinta volta consecutiva, del numero di e-mail infette. Le ricerche effettuate da Sophos dimostrano che l’1,53%, ovvero un’e-mail su 65 di quelle in circolazione nel mese di settembre, conteneva virus.

Nello stesso mese Sophos ha identificato e protetto gli utenti da 1.233 nuovi virus.

La società è ora in grado di proteggere gli utenti da 110.457 virus differenti.

 

Per ridurre il rischio di infezione, Sophos consiglia alle aziende di implementare criteri di sicurezza sul gateway che impediscano agli allegati eseguibili indesiderati di raggiungere il network aziendale. Inoltre, le aziende dovrebbero utilizzare software antivirus aggiornati e firewall, nonché installare le patch di sicurezza più recenti.

 

 

L’indagine condotta da Sophos si è focalizzata anche sulla segnalazione dei dieci falsi allarmi più diffusi nel mese di settembre 2005:

 

1.    Hotmail hoax                               16,0% Da 15 mesi in testa alla classifica

2.    Meninas da Playboy                   11,3%

3.    WTC Survivor                               9,5%

4.    Bonsai kitten                                8,8%

5.    Budweiser frogs screensaver   8,3%

6.    A virtual card for you                    5,8%

7.    Bill Gates fortune                         3,7%

8.    Jamie Bulger                                3,0%

9.    ICE virus hoax                              1,6%

10.   HIV Needles                               1,0% New entry

 

      Altri                                                31,0%

 

 

"Sebbene il falso allarme Hotmail continui ad occupare la prima posizione in classifica, è incoraggiante assistere al lento declino del falso allarme ICE che ha perso il 5% nell’ultimo mese. La minore diffusione di quest’ultimo, infatti, essendo legata ai terribili eventi che hanno colpito Londra  nel luglio scorso, segnala un ritorno alla normalità”, ha dichiarato Narisoni.

 

Sophos mette a disposizione delle aziende un servizio di informazione gratuito e costantemente aggiornato dove trovare le ultime informazioni sui virus e sui falsi allarmi all’indirizzo: www.sophos.com/virusinfo/infofeed/

 

I grafici di questa top ten sono disponibili all’indirizzo: www.sophos.com/pressoffice/imggallery/topten

 

Per maggiori informazioni sull’uso sicuro del computer, incluse le regole per proteggersi dai falsi allarmi, visitare: www.sophos.com/virusinfo/bestpractice/

 

 

A proposito di Sophos

 

Sophos è uno degli specialisti leader nel mondo nella computer security che sviluppa software per le  principali piattaforme tecnologiche  contro virus, spyware, spam e contro l'uso improprio della posta elettronica. L'azienda, con sede ad Oxford in Gran Bretagna, fornisce soluzioni su misura per le aziende di ogni dimensione: dalle piccole e medie imprese alle grandi corporation. Sophos viene apprezzata nel settore per aver raggiunto altissimi livelli di customer satisfaction e di protezione. I prodotti Sophos vengono commercializzati e supportati in più di 150 Paesi e proteggono più di 35 milioni di utenti.

 

Ufficio Stampa Sophos Italia                          

 

Pragmatika S.r.l.

Rossella Lucangelo

Irene Rossi

Tel. 051.6242214                                                              

ross@pragmatika.it                                                                                  

irene@pragmatika.it

 

 

 

Silvia Voltan

Account Senior

Pragmatika S.r.l.

0516242214 Tel

0516245644 Fax

silvia@pragmatika.it

www.pragmatika.it

 

Sede Milano

C.so di Porta Romana, 51

02 5469635 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl