McAfee: Minacce nell'ombra le infrastrutture critiche affrontano gli attacchi cibernetici

Allegati

19/apr/2011 15.53.54 Prima Pagina Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Il report di McAfee e del CSIS rivela un incredibile aumento nel numero di attacchi cibernetici e sabotaggi contro le infrastrutture critiche mentre le organizzazioni continuano a essere impreparate

L’80% ha subito un attacco su larga scala mentre il 25% è stato vittima di tentativi di estorsione

 

Santa Clara, California, Londra, Washington, D.C. , Milano – 19 Aprile 2011 -- McAfee e il Center for Strategic and International Studies (CSIS) hanno oggi reso noti i risultati di un report che riflette i costi e l’impatto degli attacchi cibernetici su infrastrutture critiche come reti elettriche, impianti petroliferi, idrici e gas. L’indagine condotta su 200 responsabili della sicurezza IT di aziende nel settore delle infrastrutture elettriche in 14 nazioni, ha rilevato che il 40% dei responsabili ritiene che la vulnerabilità del loro settore è aumentata. Circa il 30% ritiene che la propria azienda non sia preparata per un attacco cibernetico e oltre il 40% si aspetta un attacco cibernetico significativo entro il prossimo anno.

Il report “Minacce nell’ombra: le infrastrutture critiche affrontano gli attacchi cibernetici” è stato commissionato McAfee e realizzato dal CSIS. “Abbiamo rilevato che l’adozione di misure di sicurezza in settori civili fondamentali è rimasta molto indietro rispetto all’aumento delle minacce nel corso dell’ultimo anno”, ha affermato Stewart Baker, che ha condotto lo studio per il CSIS.  I responsabili del settore hanno fatto progressi modesti nell’ultimo anno per quanto riguarda la protezione delle proprie reti, dal momento che il settore dell’energia ha incrementato l’adozione di tecnologie di sicurezza di un solo punto percentuale (51%), mentre per il settore petrolifero e gas  è stato registrato un aumento di tre punti percentuali (48%).

Secondo Jim Woolsey, ex direttore dell'Intelligence Centrale degli Stati Uniti,“Il 90-95% delle persone che lavora sulle reti smart grid non si preoccupa della sicurezza e la considera solo come l'ultima casella da spuntare nel proprio elenco".

Il report segue la prima edizione del 2010 denominata “Nel mirino: le infrastrutture critiche nell’era della guerra cibernetica” che ha aveva scoperto che molte delle infrastrutture critiche a livello mondiale non disponevano di protezione per le proprie reti di computer, rivelando anche il costo e l’impatto sconcertanti degli attacchi cibernetici su queste reti. Il nuovo studio rivela che mentre il livello delle minacce per queste infrastrutture è accelerato, altrettanto non è avvenuto per il livello delle reazioni, anche dopo che la maggioranza di coloro che ha risposto ha rilevato con frequenza malware creato per sabotare i sistemi (circa il 75%) della loro organizzazione, e quasi la metà degli intervistati nel settore dell’industria elettrica ha segnalato di aver individuate Stuxnet sui propri sistemi. Questa minaccia per le infrastrutture include anche le smart grid elettriche, la cui adozione si sta diffondendo e si prevede supereranno i 45 miliardi di dollari nella spesa globale nel 2015.

“Ciò che abbiamo appreso è che la smart grid ovvero la rete intelligente non è poi così intelligente“,  ha affermato Phyllis Schneck, vice president e chief technology officer per l’intelligence nel settore pubblico di McAfee. “Lo scorso anno, abbiamo senza dubbio osservato una delle forme più sofisticate di malware in Stuxnet, che era stato specificamente progettato per sabotare i sistemi informatici delle infrastrutture critiche. Il fatto è che i sistemi delle infrastrutture critiche non sono studiati in ottica di sicurezza cibernetica, e le organizzazioni devono implementare controlli di rete più solidi per evitare di essere vulnerabili ad attacchi di questo tipo”.

DI seguito alcune delle principali scoperte del report di quest’anno:

  • Gli attacchi cibernetici sono ancora diffusi: L’80% di coloro che hanno risposto ha affrontato un attacco DDoS (Distributed Denial of Service) mentre un quarto ha riportato attacchi DDoS quotidiani o settimanali e/o è caduto vittima di estorsioni attraverso attacchi di rete.
  • I tentativi di estorsione sono stati più frequenti nei settori delle infrastrutture critiche: Un intervistato su quattro ha subito un'estorsione o è stato minacciato per mezzo di attacchi cibernetici. Il numero di aziende soggette a estorsioni è aumento del 25% nello scorso anno, e i casi di estorsione sono risultati essere egualmente distribuiti tra i diversi settori delle infrastrutture critiche. India e Messico hanno un tasso elevato di tentativi di estorsione; dal 60% all’80% dei manager intervistati in queste nazioni ha riportato tentativi di estorsione.
  • Le organizzazioni non hanno adottato una sicurezza efficace: Le misure di sicurezza sofisticate applicate a utenti fuori sede sono la minoranza, con solo circa un quarto degli intervistati che implementano strumenti per monitorare l’attività di rete, e solo circa il 26% che utilizza strumenti per rilevare anomalie di ruolo.
  • Le nazioni più consapevoli della sicurezza: Brasile, Francia e Messico sono in ritardo relativamente alle misure di sicurezza, adottando solo la metà delle misure di protezione implementate da nazioni come Cina, Italia e Giappone. Simultaneamente, Cina e Giappone sono risultate tra le nazioni con i livelli di fiducia più elevati nella capacità delle leggi attuali di prevenire o scoraggiare attacchi nelle loro nazioni.
  • Stati Uniti ed Europa in ritardo rispetto all’Asia relativamente al coinvolgimento del governo: Coloro che hanno risposto in Cina e Giappone hanno riportato elevati livelli di interazione formale e informale con il proprio governo per quanto riguarda la sicurezza, mentre Stati Uniti, Spagna e Regno Unito hanno indicato contatti sporadici se non nulli.
  • Le aziende hanno paura di attacchi da parte del governo: Oltre la metà di coloro che hanno risposto ha affermato di aver già subito attacchi da parte del governo.

 

Informazioni sul report:

McAfee ha incaricato Vanson Bourne, società di consulenza specializzata in ricerche di mercato in ambito tecnologico, di intervistare oltre 200 manager IT nei settori energetico, petrolifero/gas e idrico, responsabili per la sicurezza informatica, sicurezza in generale e sistemi di controllo industriali in 14 nazioni (Australia, Brasile, Cina, Emirati Arabi Uniti/Dubai, Francia, Germania, Giappone, India, Italia, Messico, Regno Unito, Russia, Spagna e Stati Uniti).  Il CSIS ha poi analizzato i risultati quantitativi, condotto ulteriori indagini e redatto il report.

Per scaricare il report “Minacce nell’ombra: le infrastrutture critiche affrontano gli attacchi cibernetici,” visitare il sito www.mcafee.com/cip_report

 

Informazioni su McAfee

McAfee, società interamente controllata da Intel Corporation (NASDAQ:INTC), è la principale azienda focalizzata sulle tecnologie di sicurezza. L'azienda offre prodotti e servizi di sicurezza riconosciuti e proattivi che proteggono sistemi e reti in tutto il mondo, consentendo agli utenti di collegarsi a Internet, navigare e effettuare acquisti sul web in modo sicuro. Supportata dal suo ineguagliato servizio di Global Threat intelligence, McAfee crea prodotti innovativi destinati a utenti consumer, aziende, pubblica amministrazione e service provider che necessitano di conformarsi alle normative, proteggere i dati, prevenire le interruzioni dell'attività, individuare le vulnerabilità e monitorare e migliorare costantemente la propria sicurezza. McAfee è impegnata senza sosta a ricercare nuovi modi per mantenere protetti i propri clienti. http://www.mcafee.com/it

 

Informazioni sul CSIS

Il Center for Strategic and International Studies (CSIS) è un’organizzazione bipartisan, no-profit fondata nel 1962 e con sede a Washington, D.C. Opera per migliorare la sicurezza e la prosperità globale e fornisce analisi strategiche e soluzioni politiche ai responsabili delle decisioni.

 

NOTA: McAfee è un marchio o marchio registrato di McAfee o sue filiali negli Stati Uniti e altre nazioni. Altri marchi  possono essere proprietà di altri.

 

###

Per informazioni:

Ufficio Stampa

McAfee, Inc.

Tel.: 02/55.41.71

Fax: 02/55.41.79.00

 

 

Benedetta Campana, Tania Acerbi

Prima Pagina Comunicazione

Tel.: 02/76.11.83.01

Fax: 02/76.11.83.04

e-mail: benedetta@primapagina.it 

         tania@primapagina.it

 

 

Vi informiamo che i Vostri dati personali vengono trattati in rispetto del Codice in materia di protezione dei dati personali e ne viene garantita la sicurezza e la riservatezza. Per i nostri trattamenti ci avvaliamo di responsabili ed incaricati il cui elenco è costantemente aggiornato e può essere richiesto rivolgendosi direttamente alla Società titolare al numero di telefono 02 76118301. In qualsiasi momento potrete fare richiesta scritta alla Società titolare per esercitare i diritti di cui all¹art. 7 del D.lgs 196/2003 (accesso correzione, cancellazione, opposizione al trattamento, ecc.).

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl