Ripensare le Telco tradizionali - Atos prevede che gli operatori Brand e Pipe 
assumeranno la guida del settore telco

Ripensare le Telco tradizionali - Atos prevede che gli operatori Brand e Pipe _assumeranno la guida del settore telco.

Persone Atos WorldGrid, Atos Worldline, Atos Atos, Atos Consulting, Marcel
Luoghi Milano, Parigi, Barcellona
Organizzazioni Brand or Pipe, Ministero dei Trasporti
Argomenti commercio, economia, impresa

29/feb/2012 10.54.19 CriRov Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Secondo Atos Consulting, le tradizionali società di telecomunicazioni integrate inizieranno presto a focalizzarsi 
su una singola area di business

Milano, 29 febbraio 2012 - Atos, società internazionale di servizi IT, delinea i trend chiave del mercato internazionale delle telecomunicazioni emersi da una serie di interviste con alcuni executive di importanti realtà del settore telco. 
In un white paper dal titolo ‘Rethinking the traditional telco: the need for independent brands and pipes’ (Ripensare la società di telecomunicazioni tradizionale: l'esigenza di avere brand e fornitori di infrastrutture indipendenti), Atos Consulting evidenzia come i nuovi comportamenti dei consumatori, le nuove politiche governative e i nuovi player di mercato rappresentino i tre fattori che determineranno una contrazione degli investimenti. Tale contrazione obbligherà le società di telecomunicazioni integrate a scegliere se investire sul brand (fornitura di servizi) o sulle infrastrutture (fornitura di rete e tecnologia). Nello scenario tracciato, si ipotizza che la tradizionale società Telco integrata sia destinata a scomparire.

Atos partecipa al Mobile World Congress di Barcellona dal 27 febbraio al 1 marzo 2012, nel Padiglione AV06 con uno stand dal tema "aspiration to application" per presentare i progetti più innovativi recentemente sviluppati e per presentare il White Paper “Rethinking the traditional telco: the need for independent brands and pipes”.
Il white paper illustra i tre step consecutivi che condurranno le società di telecomunicazioni tradizionali nel passaggio al modello “Brand or Pipe”.

I provider di telecomunicazioni tradizionali dovranno abbandonare la visione del business integrato. Ora è il momento della flessibilità, un cambiamento di prospettiva che richiede un approccio focalizzato. Diventa necessario offrire una Pipe (infrastrutture) efficiente a costi contenuti ai clienti aziendali, oppure valorizzare il Brand presso i clienti finali dei servizi.
 
Lo scenario di tipo “Brand or Pipe” delinea un mondo in cui gli operatori di marchio agiscono in modo indipendente rispetto a quelli di infrastruttura. I Brand acquistano componenti infrastrutturali da società specializzate, mentre gli operatori Pipe si specializzeranno nello sviluppo delle infrastrutture. Se questo scenario si dovesse concretizzare, le telco tradizionali si apriranno alle aziende Brand e Pipe terze. Prima di tutto, dunque, le telco tradizionali hanno bisogno di posizionare il proprio Brand e la propria Pipe come elementi indipendenti all’interno dell’organizzazione. Questo permetterà loro di dare il via a partnership con operatori Brand e Pipe esterni. Infine, le  stesse operation oggi combinate dovranno essere preparate per una governance indipendente.

Marcel van de Pol, Principal Consultant di Atos Consulting, ha dichiarato: "Entro i prossimi due anni si raggiungerà il punto di svolta e le telco tradizionali non potranno più sopravvivere come operatori indipendenti. Abbiamo analizzato i trend chiave degli ultimi tre anni e la nostra conclusione è che diventare “Brand or Pipe” è la strategia vincente per le società di telecomunicazioni al fine di mantenere un posizionamento competitivo. Ci rendiamo conto che si tratta di un cambiamento drastico per molte telco che hanno acquisito esperienza come player integrati negli ultimi anni. Atos Consulting è in grado di illustrare in che modo questi trend portino inevitabilmente a un'unica soluzione e come affrontare la separazione di un tradizionale operatore telco per avere successo come operatore indipendente “Brand or Pipe.”

###

Atos
Atos è una società internazionale di servizi IT, con ricavi pro forma per il 2010 pari a 8,5 miliardi di euro e 74.000 dipendenti in 42 Paesi. Con una base clienti globale, Atos offre servizi transazionali hi-tech, di consulenza, di system integration e managed services. Grazie alla consolidata expertise tecnologica e a un’approfondita conoscenza del mercato, Atos collabora con clienti di tutti i seguenti settori: Manifatturiero, Retail e Servizi; Pubbliche Amministrazioni, Salute e Trasporti; Servizi Finanziari, Telecomunicazioni, Media & Technology; Energy e Utilities.

Il focus di Atos è la tecnologia per il mondo del business, una tecnologia che potenzia il progresso e consente alle aziende di diventare le società del futuro. Atos è Partner IT a livello mondiale dei Giochi Olimpici ed è quotata sull’Eurolist Market di Parigi. Atos opera anche con i brand Atos, Atos Consulting & Technology Services, Atos Worldline e Atos WorldGrid.
Per ulteriori informazioni, visitate atos.net

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl