Sophos top ten di febbraio 2006: in crescita le minacce a scopo di lucro che mescolano virus e spam

Sophos top ten di febbraio 2006: in crescita le minacce a scopo di lucro che mescolano virus e spam

Allegati

09/mar/2006 04.52.31 Pragmatika Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

                             Da Sophos la top ten di febbraio 2006:

in crescita le minacce a scopo di lucro che mescolano virus e spam

 

L’azienda leader di sicurezza informatica consiglia di fare attenzione a Clagger-G, il Trojan balzato in un mese all’ottavo posto in classifica. In vetta comanda ancora Netsky-P, mentre il virus Kamasutra, Nyxem-D, che usa travestimenti erotici continua ad avere una notevole spinta propulsiva.

 

Milano, 9 marzo 2006

 

Sophos, azienda leader nella protezione di imprese, enti pubblici e istituzioni accademiche da virus, spyware e spam, ha pubblicato il rapporto relativo ai 10 virus e falsi allarmi più diffusi che hanno colpito le aziende in tutto il mondo durante il mese di febbraio 2006.

 

La classifica, basata sui dati raccolti dai SophosLabs, la rete globale dei centri di monitoraggio Sophos, mostra che il Trojan Clagger-G, entrato questo mese in top ten, conferma che le attuali minacce a scopo di lucro utilizzano una combinazione di malware e tecnologia spam. Nyxem-D, meglio noto come worm Kamasutra, è strisciato dal quarto al secondo posto, evidenziando il successo dei suoi travestimenti erotici.

 

Per il mese di febbraio 2006 la top ten dei virus è la seguente:

 

1.  Netsky-P              13,9%

2.  Nyxem-D              9,3%

3.  Bagle-Zip             8,8%   Rientro

4.  Zafi-B                    8,4%

5.  Mytob-FO             6,0%

6.  Mytob-EX             3,7%

7.  Bagle-CH             2,7%   Nuova entrata

8.  Clagger-G            2,6%   Nuova entrata

9.  Netsky-D              2,4%

10. Mytob-BE            2,3%

 

Altri                             39,9%

 

 

Nyxem-D, ovvero il worm Kamasutra, rilevato per la prima volta lo scorso 18 gennaio, possiede ancora un notevole impatto, essendo responsabile del 9,3% del malfare globale  registrato in febbraio.

Il worm utilizza diversi travestimenti erotici nel tentativo di diffondersi e di disattivare il software di protezione.

 

Comunque il worm Kamasutra, che ha fatto tanto parlare di sé, non è riuscito a spodestare la vecchia conoscenza Netsky-P. Quest'ultimo virus ha infatti riconquistato la prima posizione dopo essere stato per tre mesi oscurato da Sober-Z, il codice maligno programmato per smettere di diffondersi il 6 gennaio 2006. Netsky-P, dalla prima rilevazione nel marzo 2004, non ha mai smesso di creare danni agli utenti non protetti.

 

Il dato più interessante è però la comparsa, all’ottavo posto nella top ten di febbraio, del Trojan Clagger-G, chiara dimostrazione del fatto che lo spam di massa tiene duro rispetto al malware ad autodiffusione.

 

"Per comparire nella top ten, il Trojan Clagger dev'essere stato inviato a milioni e milioni di indirizzi e-mail in tutto il mondo", afferma Walter Narisoni, Security Consultant di Sophos Italia. "I Trojan, che non sono in grado di diffondersi da soli, sono responsabili di circa i due terzi di tutto il malware registrato. Piuttosto che effettuare bombardamenti di massa, al fine di sottrarre denaro e dati sensibili, la maggior parte degli autori di Trojan si concentra su bersagli ristretti".

 

Bagle-Zip è rientrato in classifica al terzo posto mentre Bagle-CH, rilevato per la prima volta il 7 febbraio, è entrato in classifica al settimo posto.

 

"Le imprese e i singoli utenti che non si sono ancora dotati di una valida soluzione di sicurezza informatica sembrano non tener conto che questi worm possono portare alla distruzione della rete, ma diventano facilmente controllabili se ci si dota di efficaci protezioni di sicurezza", dice Narisoni.

 

Dalle rilevazioni di Sophos risulta che l'1,1% delle e-mail, vale a dire 1 su 90, è infetta. Attualmente l'azienda identifica e protegge da 119.192 virus, con un aumento di 1132 unità rispetto al mese precedente.

 

I primi 10 falsi allarmi e catene di Sant’Antonio segnalati a Sophos nel mese di febbraio 2006 sono i seguenti:

 

1.  Hotmail hoax                                           15,5%            20mo mese in prima posizione

2.  A virtual card for you                              9,4%

3.  Meninas da Playboy                              7,5%

4.  Bonsai kitten                                           7,2%

5.  Budweiser frogs screensaver               4,8%

6.  MSN is closing down                             3,8%

7.  Olympic torch                                          3,3%               Nuova entrata

7.  WTC Survivor                                         3,3%

9.  Bill Gates fortune                                    2,9%

10. Applebees Gift Certificate                   2,3%

Altri                                                                40%

 

"Il falso allarme Olympic Torch ha tormentato gli utenti in febbraio, sulla scia della risonanza mondiale delle Olimpiadi invernali", continua Narisoni, "Molti utenti sono stati presi dal panico quando si sono ritrovati di fronte a questo falso allarme che avvisa i destinatari di stare in guardia contro le e-mail aventi come oggetto "Invito", affermando che è il virus più distruttivo mai esistito. Questi messaggi non solo rubano spazio di rete, ma fanno anche perdere tempo dando inutili preoccupazioni alle loro vittime".

 

Sophos mette a disposizione informazioni gratuite e continuamente aggiornate sui malware più recenti, oltre a notizie sulla sicurezza, tramite una serie di feed RSS. Visitate il sito www.sophos.it/feeds per maggiori informazioni al riguardo.

 

I grafici relativi alla top ten dei virus sono disponibili all'indirizzo: www.sophos.com/pressoffice/imgallery/topten

 

Per ulteriori informazioni sulla sicurezza informatica, comprese le pratiche contro i falsi allarmi, visitate l'indirizzo: www.sophos.com/virusinfo/bestpractice/

 

 

A proposito di Sophos

 

Sophos è leader mondiale nelle soluzioni integrate per la gestione delle minacce informatiche, concepite ad hoc per imprese, enti pubblici e istituzioni accademiche. I prodotti Sophos, performanti e di facile utilizzo, proteggono oltre 35 milioni di utenti in più di 150 Paesi. Grazie all'esperienza ventennale, alla competenza in fatto di virus e spam e a una rete globale di centri di analisi delle minacce, Sophos è in grado di rispondere rapidamente alle minacce emergenti, indipendentemente dalla loro complessità, e vanta altissimi livelli di customer satisfaction nel settore.

 

Ufficio Stampa Sophos Italia  

 

Pragmatika S.r.l.

Rossella Lucangelo

Silvia Voltan                                                

Tel. 051.6242214                                                              

ross@pragmatika.it                                                                                  

silvia@pragmatika.it

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl