Rossetto cancerogeno? Gli esperti dei SophosLabs tranquillizzano: è solo l'ultimo falso allarme che viaggia su Internet

che porta via solo tempo e spazio di rete e di evitare di inoltrarla a

Allegati

30/mar/2006 03.10.47 Pragmatika Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Rossetto cancerogeno? Gli esperti dei SophosLabs tranquillizzano:

è solo l’ultimo falso allarme che viaggia su Internet

 

Come conferma anche l’Istituto di Ricerca contro il Cancro del Regno Unito è solo una bufala, assolutamente infondata. Sophos consiglia di spezzare questa catena di Sant’Antonio che porta via solo tempo e spazio di rete e di evitare di inoltrarla a fidanzate e conoscenti.

 

Milano, 30 marzo 2006

 

Gli esperti dei SophosLabs, il network globale dei centri di ricerca Sophos, avvertono gli utenti di non credere alla catena di Sant’Antonio che sta circolando su Internet con l’intento di diffondere la falsa notizia che il rossetto sia cancerogeno.

 

Nell’ultimo periodo, il supporto tecnico di Sophos ha ricevuto un numero crescente di segnalazioni su questo falso allarme. La mail segnala che particolari marche di rossetti contengono un pericoloso eccesso di piombo, che può portare alla formazione di tumori.

 

L’Istituto di Ricerca contro il Cancro del Regno Unito ha confermato che il falso allarme non è assolutamente attendibile. Sophos consiglia quindi di cancellare il messaggio e soprattutto di non inoltrarlo.

 

“Di solito comunicazioni del genere vengono girate ad amici e parenti, a volte si diffondono in maniera talmente capillare da diventare leggende metropolitane, senza che nessuno si prenda la briga di verificare se siano vere o meno” , commenta Walter Narisoni, Security Consultant di Sophos Italia. “Falsi allarmi e catene di Sant’Antonio come questa non sono pericolosi, comportano solo una perdita di tempo e spazio di rete. Consigliamo agli utenti di essere più critici e di non credere a tutto ciò che gli viene segnalato via e-mail”.

 

Ecco parte del falso allarme sul rossetto cancerogeno:

 

“Più alto è il livello di piombo contenuto, maggiori sono le probabilità di contrarre il cancro. Dopo una serie di test sui rossetti è emerso che alcune marche contengono maggiori quantitativi di piombo. Fate attenzione in particolare ai rossetti a lunga tenuta. Se il vostro rossetto resiste più a lungo è perché contiene alti livelli di piombo. Queste sono le verifiche che si possono facilmente eseguire:

 

1. Mettete un po’ di rossetto sulla mano.

2. Usate un anello d’oro per sfregarlo.

3. Se il colore del rossetto diventa più scuro, significa che il rossetto contiene piombo.

 

Per favore inoltrate questa informazione a fidanzate, mogli, e in generale a tutte le donne che conoscete”.

 

L’intero testo del falso allarme è disponibile all’indirizzo: http://www.sophos.com/virusinfo/hoaxes/lipstick.html

 

A proposito di Sophos

 

Sophos è leader mondiale nelle soluzioni integrate per la gestione delle minacce informatiche, concepite ad hoc per imprese, enti pubblici e istituzioni accademiche. I prodotti Sophos, performanti e di facile utilizzo, proteggono oltre 35 milioni di utenti in più di 150 Paesi. Grazie all'esperienza ventennale, alla competenza in fatto di virus e spam e a una rete globale di centri di analisi delle minacce, Sophos è in grado di rispondere rapidamente alle minacce emergenti, indipendentemente dalla loro complessità, e vanta altissimi livelli di customer satisfaction nel settore.

 

 

Ufficio Stampa Sophos Italia  

 

Pragmatika S.r.l.

Rossella Lucangelo

Silvia Voltan                                                

Tel. 051.6242214                                                              

ross@pragmatika.it                                                                                  

silvia@pragmatika.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl