EU-US Workshop on Small and Medium-sized Enterprises (SMEs) in the framework of the Transatlantic Economic Council (TEC)

16/lug/2012 12.28.41 Marketing SMS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il 12 luglio 2012 presso la sala delle Conferenze Internazionali del Ministero degli Affari Esteri (MAE) si è tenuto un importante Workshop finalizzato a migliorare l’interscambio tra le PMI dell’ Unione Europea e le PMI degli Stati Uniti. Oltre 40 milioni di posti di lavoro dipendono dall’interscambio Transatlantico. I relatori, hanno fornito una miriade di spunti, attualmente in discussione anche nelle varie commissioni di Bruxelles, finalizzati a migliorare i processi di internazionalizzazione delle PMI presenti in UE e in US che non soffrono di differenziazioni culturali che a volte pregiudicano gli interscambi come può succedere verso Oriente.

Tema centrale delle discussioni il come migliorare l’accesso al credito delle PMI che internazionalizzano e come aumentare le esportazioni in genere, visto che è diventato fondamentale per la sopravvivenza partecipare nei mercati internazionali ai processi di crescita la dove la crescita è maggiore. Una cosa che accumuna le PMI USA a quelle dell’ UE è la grande difficoltà che hanno nell’ affrontare le avversità. Il Mercato Unico Europeo e quello Transatlantico hanno delle barriere non tariffarie. Il superamento di queste barriere può essere un sicuro volano per l’incremento dell’occupazione. Alcune disparità evidenti comunque inficiano l’incremento degli scambi commerciali, come ad esempio la Difesa della Proprietà Intellettuale (molto sentita in USA), gli oneri amministrativi alti presenti nei 27 paesi membri in UE e il problema del trattamento dei Certificati di origine Presso gli Uffici Doganali US. Una Best Practise, sulla crescita delle esportazioni da parte delle PMI è sicuramente l’ Irlanda dove attraverso Internet e le tecnologie digitali si è riuscito ad esportare i servizi. Le Camere di Commercio in Italia indicano che sono 70.000 le imprese che potrebbero esportare ma non lo fanno. Il MAE sta realizzando una piattaforma e-commerce, di facile utilizzo, che permetterà a molte di queste di operare sui mercati internazionali partendo dal loro sito web. Le tecnologie digitali sono comunque un forte volano per la condivisione delle informazioni per operare oltre confine. Anche le Banche devono fare la loro parte, l’applicazione in UE degli standard di Basilea 3 potrebbe essere un modo per non discriminare le PMI che operano in paesi diversi da quelli di origine. Il workshop è continuato il 13 luglio in Confindustria con dei Focus specifici sull’ accesso al credito e ai finanziamenti sia nella Comunità Europea che negli Stati Uniti. Fondamentale è comunque la scelta del giusto partner per l’ Internazionalizzazione, tra cui la SMS Engineering per la formazione iniziale dei futuri responsabili per le atività oltre confine e per la creazione della rete relazionaledi base rappresentata dagli enti, istituzioni, agenzie per lo sviluppo economico, professionisti e società di consulenza localinecessaria per operare in un altro paese. Sarebbe auspicabile, in seconda battuta, una presenza maggiore degli enti nazionali preposti, soprattutto per il supporto alla redazione dei Business Plan per le attività da realizzare all’estero o quanto meno per il reperimento delle informazioni commerciali di settore in forma strutturata per evitare gli levati costi connessi a queste due fondamentali attività, spesso erogate da società di consulenza che sono alla portata solo di medie e grandi imprese.

Presente al workshop, Massimiliano Canestro, SMS Engineering Vice President, in qualità di osservatore esterno, dell’ Ufficio I, Promozione e Coordinamento Iniziative di Internazionalizzazione del Sistema Economico, Direzione Generale del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri, con il quale vige un accordo di mutua cooperazione finalizzato alla diffusione di informazioni utili allo sviluppo dell’internazionalizzazione delle PMI.

si riportano i relatori del workshop avvenuto nella sala delle conferenze internzaionali della Farnesina il 12  luglio.

Marta Dassù, Under-Secretary of State for Foreign Affairs of Italy

Antonio Tajani, Vice President of European Commission

Miriam Sapiro, Ambassador, Deputy US Trade Representative (USTR)

Giorgio Squinzi, President of the Confederation of Italian Industries (Confindustria)

David Thorne, US Ambassador to Italy

Daniel Calleja Crespo – Director General, Directorate General for

Enterprise and Industry, European Commission and EU SME Envoy

Maurizio Melani, Ambassador, Director General for the Country Promotion (Economy, Culture and Science) of the Ministry of Foreign Affairs

Arnaldo Abruzzini, Secretary General of Eurochambres

Andrea Benassi, Secretary General of The European Association of Craft, Small and Medium sized Enterprises (UEAPME)

Peter H. Chase, Senior European Representative at US Chamber of Commerce, Brussels Office

Pat Ivory, Chairman “US Network” BusinessEurope

Kimberly Benson, Vice President, Cange International, Member of Industry Trade Advisory Committee (ITAC) 11 - Small and Minority Business, California Chamber Council on International Trade

Pierfrancesco Gaggi, Head of International Relations Department, Italian Banking Association (ABI)

Laszlo Horvath, President of ActiveMedia, Member of Industry Trade Advisory Committee ITAC 11 - Small and Minority Business

Riccardo Monti, President of Italian Trade Promotion Agency

Signe Ratso, Director, Directorate General for Trade, European Commission

Elena Bryan, Senior Trade Advisor, US Mission to the EU in Brussels

Didier Herbert, Director, Directorate General for Enterprise and Industry

Giuseppe Tripoli, Head of International Department, Ministry of Economic Development

Il Workshop si è concluso con un Network Cocktail presso   il Circolo del Ministero degli Esteri, dove i partecipanti hanno potuto approfondire le tematiche discusse circondati dalle numerose oper di arte contemporanea della Collezione MAE, di cui si riporta in foto la scultura in bronzo dorato di Arnaldo Pomodoro e la scultura etnica in pietra rossa di Mimmo Palladino.

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl