NetApp: risparmio energetico nei data center

Allegati

29/mar/2007 12.49.00 LEWIS Communication Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

NetApp: risparmio energetico nei data center

Grazie all’utilizzo delle proprie soluzioni che forniscono una più efficiente gestione dei dati e un intelligente consumo energetico il dipartimento IT di NetApp ha ottenuto un risparmio nei costi di elettricità pari a 60.000 dollari l’anno

Network Appliance (NASDAQ: NTAP), leader mondiale nelle soluzioni storage unificate rivolte alle aziende caratterizzate da un utilizzo intensivo dei dati, ha reso note le modalità attraverso cui ridurre il consumo energetico dei data center dei propri clienti. I risultati di una recente indagine hanno evidenziato quanto l’alimentazione elettrica per i data center sia diventata uno degli aspetti cruciali per le aziende moderne. Fra i clienti di NetApp che hanno partecipato all’indagine, il 59% ha affermato di tenere in seria considerazione il consumo di energia, mentre il 46% sta già investendo in contromisure.
 
“Ci stiamo accorgendo di una crescita del numero di clienti che si sentono limitati dalla disponibilità di spazio fisico nei data center: non possono aumentare l’alimentazione elettrica, lo spazio a disposizione è quasi terminato ed è impossibile installare ulteriori sistemi di raffreddamento,” ha dichiarato Chris Bennet, vice president, Core Systems di NetApp. “Mentre l’attenzione per il consumo di energia degli ambienti server sta certamente crescendo, i clienti stanno ora iniziando a indirizzare la loro attenzione oltre i server, cioè verso quei dispositivi maggiormente responsabili del consumo di energia, e lo storage è senz’altro uno di questi. Siamo convinti che focalizzandoci sulla capacità di storage sia possibile accrescere il lavoro prodotto da un numero minore di dischi e di diminuire l’alimentazione elettrica necessaria. In questo modo NetApp aiuterà i propri clienti a ridurre drasticamente il consumo di energia e i costi.”
 
L’esponenziale crescita dei dati è ormai una realtà per la maggior parte dei data center e rappresenta una problematica seria per qualsiasi manager IT. Fino ad ora, la soluzione più semplice era rappresentata dall’aggiunta di ulteriori dischi a quelli già esistenti nei sistemi; questo porta ad un aumento della densità di storage e ad un maggiore fabbisogno di energia e ulteriori dispositivi di raffreddamento. Un approccio simile porta certamente i data center al limite delle proprie capacità di storage, nonché a problemi di raffreddamento, spazio fisico ed energetici.
 
Inoltre, molte delle tecnologie rivolte alla riduzione il consumo di energia anziché agire sui principali driver responsabili della crescita di consumo energetico, riducono semplicemente i costi medi di elettricità. L’approccio di NetApp, invece, consiste nel porre un freno al consumo energetico alla sorgente, offrendo soluzioni che riducono l’accumulo di dati grezzi e offrono ai clienti potenzialità maggiori attraverso i sistemi storage già presenti nei loro ambienti IT. Oggi, i clienti possono usufruire della tecnologia NetApp per diminuire il numero di sistemi storage e dischi di memoria, ridurre lo spazio fisico necessario ai data center e massimizzare l’utilizzo dello storage. Questo approccio non solo permette alle aziende IT di raggiungere una notevole efficienza energetica ma anche di diminuire i costi e le complessità infrastrutturali, offrendo ai propri clienti strumenti ideali per approcciare al meglio le più grandi sfide del mercato.
 
La stessa NetApp, e nello specifico il dipartimento IT dell’azienda, si è fatta promotrice di un progetto che mira a consolidare il proprio storage e ad usufruire delle ultime novità offerte dalla tecnologia NetApp Data ONTAP® 7G e FlexVol®. NetApp stava affrontando diverse sfide, tra le quali l’ottimizzazione nell’utilizzo dello storage e dello spazio fisico ad esso necessario e problematiche legate ai sistemi di raffreddamento e al consumo di energia. Per migliorare le prestazioni delle applicazioni, in passato venivano aggiunti ulteriori dischi all’infrastruttura storage. Questa modalità causava un sottoutilizzo della capacità media di storage per volume pari a circa il 40%. Inoltre, NetApp necessitava di ulteriore energia per garantire un efficace sistema di raffreddamento ai propri 50 sistemi storage, i quali da soli consumavano circa 329kW.
 
Il dipartimento IT di NetApp ha raggiunto notevoli vantaggi nonchè risolto l’utilizzo e le sfide energetiche dei propri sistemi storage attraverso il consolidamento dei propri dati su dieci sistemi storage che dispongono di Data ONTAP 7G. La tecnologia Flex Vol di NetApp ha incrementato infatti la flessibilità operazionale semplificando l’aggiunta di nuovi volumi e ottimizzando la crescita o la riduzione di quelli già esistenti, così da venire incontro alle nuove sfide del mercato dello storage. Questa flessibilità ha ridotto i costi, aumentando l’utilizzo dello storage da meno del 40% ad una media del 60%.
 
Questo ha permesso a NetApp di ottimizzare l’ingombro dei sistemi di storage, portando i rack utilizzati da 25 a 6 ed eliminando l’utilizzo di 94 tonnellate di aria condizionata e di ridurre i costi per l’elettricità di circa 60.000 dollari all’anno. Infine, il dipartimento IT di NetApp ha ottenuto enormi benefici dalla riduzione della complessità attraverso una semplificazione della gestione, una riduzione dei rischi di indisponibiltà dei dati e una maggiore flessibilità, il tutto per rispondere al meglio a future necessità del mercato.
 
“Le sfide del nostro dipartimento IT sono le stesse che affrontano i nostri clienti”, aggiunge Chris Bennet. “Consolidare lo storage significa affrontare a monte la problematica del consumo energetico, senza dimenticare che si semplifica enormemente la gestione dei dati e la nostra infrastruttura dello storage può così offrire il massimo”.
 
Per maggiori informazioni riguardo il progetto di rafforzamento del dipartimento IT di NetApp, visitare il programma NetApp Tech OnTap, disponibile all’indirizzo: http://www.netapp.com/go/techontap/matl/netappit_case_study.html
 
Per ulteriori informazioni riguardo le soluzioni NetApp e le tematiche relative al consumo di energia, leggere il documento di NetApp, Reducing Data Center Power Consumption through Efficient Storage, disponibile all’indirizzo: http://www.netapp.com/ftp/wp-reducing-datacenter-power-consumption.pdf

Un podcast con Chris Bennet, vice president, Core Systems di NetApp, focalizzato sulla tematica del consumo energetico, è disponibile su NetApp TechTalk Online Events all’indirizzo: http://communications.netapp.com/p/Network_Appliance/20070307000000POD

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl