Il Business non deve mai fermarsi: Il BCM nella Socib CocaCola di Marcianise

Il Business non deve mai fermarsi: Il BCM nella Socib CocaCola di Marcianise Marcianise è il secondo Plant diCocaCola in Europa sia per importanza che per dimensioni e sicuramente inquesto hanno partecipato, non poco, gli investimenti in Tecnologia.

13/giu/2007 10.49.00 Marketing SMS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Marcianise è il secondo Plant diCocaCola in Europa sia per importanza che per dimensioni e sicuramente inquesto hanno partecipato, non poco, gli investimenti in Tecnologia.

In particolare, ci racconta Raffale Todisco, Direttore dei sistemiinformativi della Socib (societàdi imbottigliamento del gruppo Coca Cola),  l’azienda ha consolidato ilconcetto che l’informatica e le tecnologie connesse risultano un valoreimprescindibile per rimanere sul mercato. L’ esigenza attuale è lacontinuità del Business da cui il progetto BCM(Business Continuity Management).

L’obiettivo della “Continuity”è quello di fare in modo che il Business non si fermi mai! Neanche in caso diincendio, allagamento o furto nella sala CED. Tante sono le criticità chepossono cagionare il fermo di uno stabilimento produttivo e/o dei relativiuffici. La SMS Engineering srl si è focalizzata sul problemadell’alta affidabilità e disponibilità dell’ infrastruttura direte.

La business Continuity èun’esigenza che va al di là delle disponibilità economiche diun’azienda e dei budget di spesa previsti per l’informatica.L’ Information Technology, nella Socib, non è un “malenecessario” bensì un investimento, un supporto reale per tutte leBusiness Unit ed i processi aziendali, ci ribadisce Raffale Todisco.

Gli attori impegnati sulla BusinessContinuity sono stati: lo staff IT della Socib, la EMC² per lo storagedell’ ERP aziendale e la SMS Engineering.

 

IT STAFF SOCIB COCACOLA

Raffaele Todisco

Mario Di Petrillo

Fabio Massa

Annalisa  Improta
Armando Di Feo
Massimiliano Tomassi
Giovanna Ciotola
Zamprotta Francesco

E’ stato previsto un backupdell’intera sala Server e di tutti i collegamenti fisici di rete, inparticolare una ridondanza delle backbone e di tutti gli apparati attivi dellaLAN nella sede centrale. Stessa linea è stata seguita per i collegamenti datimultisede.

Per raggiungere lo scopo, spiegal’ing Castagna, CT Manager della SMS Engineering, sono state utilizzatele ultime tecnologie prodotte da Cisco tra cui l’ ASA e lo switchinglayer 3 con implementazione di V-LAN in Load Balancing integrate e “cucite addosso” alla Socib.

Il progetto adesso abbraccerà altrearee, non strettamente legate all’informatica, in cui la sapientedirezione di RaffaeleTodisco, unita all’ eclettica esperienza di Francesco Castagna, incompleta sinergia con l’ IT Staff Socib, affronteranno  criticità legatealla “continuity”  dei processi aziendali.

 

Autore: Massimiliano Canestro

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl