MCAFEE INC. SVELA LA GUERRA PSICOLOGICA DEI CYBERCRIMINALI

25/giu/2007 15.20.00 Prima Pagina Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

MCAFEE INC. SVELA LA GUERRA PSICOLOGICA DEICYBERCRIMINALI

Una nuova ricerca rivela i giochi psicologici utilizzati daitruffatori cibernetici

per sfruttare la natura umana al fine di ottenere soldi einformazioni personali

 

Milano, 25 giugno 2007.McAfee Inc. (NYSE: MFE) annuncia oggi i risultati di una nuova ricerca cherende pubblico il modo in cui il crimine organizzato utilizza giochi psicologiciper convincere con l’inganno gli utenti di PC a cedere informazioniriservate e denaro. 

 

L'indagine sulle tendenze del cybercrime,commissionata da McAfee in collaborazione con un famoso psicologo legale, ilProfessor Clive Hollin dell’Università di Leicester nel Regno Unito,segnala che i truffatori digitali nelle ultime frodi via e-mail stannosfruttando le nostre più intime debolezze psicologiche.  I criminaliinformatici stanno adottando tecniche sempre più abili come assumere identità chepossono sembrare attendibili, coinvolgere con scherzi amichevoli  e fareleva sulle emozioni umane come paura, insicurezza e avidità.

 

Lo studio rivela il modo in cui icybercriminali stanno sempre più combinando codice stealth con specifici giochipsicologici per manipolare il comportamento degli utenti e persuaderli adaprire gli allegati, cliccare su un link o inserire le nostre informazioniriservate così da riuscire a rubare i dati personali e quelli relativi ai conticorrente on-line degli utenti.

 

Comprendendo il modo in cui noiinterpretiamo le informazioni e quali caratteristiche umane interessano lanostra reazione alle informazioni che riceviamo, i cybercriminali stannomanipolando le cose che facciamo on-line. Un esempio emblematico nel report indicaquanto persino la comune curiosità può provocare la nostra rovina ed essere unvantaggio inatteso per i truffatori. Quando una pubblicità on-line avevapromesso di infettare con un virus i PC di coloro che avessero cliccato, 400persone hanno fatto esattamente come veniva richiesto!

 

Tattiche di raggiro

Il report evidenzia il modo in cui icybercriminali si applicano sodo per ridurre il nostro scetticismo econvincerci della legittimità delle loro e-mail. Utilizzano un insieme ditrucchi psicologici, come fare in modo che l’e-mail giunga da un amico oda un’autorità degna di fiducia come una società di carte dicredito.   

 

Per attirare la nostra attenzione e farspiccare l’e-mail tra le altre utilizzano intestazioni particolari perintrigarci, riferendosi ai nostri interessi personali, come ad esempio“shopping” o “appuntamento”.  

 

Il report mostra inoltre come le tipichee-mail truffa conterranno elementi essenziali che giocano sulle debolezzepsicologiche che ci spingono o ci influenzano per farci fare qualche cosa– per esempio, “Clicca per unaricompensa” o “Clicca qui per evitare qualcosa che non vuoi chesucceda”. 

 

Le stesse pratiche cybercriminali sono statescoperte in una ricerca effettuata negli Stati Uniti e commissionata da McAfeeal Professor James J. Blascovich, Ph D. della University of California, SantaBarbara.

 

Manipolazione cibernetica:chi è a rischio?

Lo studio sottolinea che, contrariamente aquanto si pensa, non sono solo gli utenti di internet inesperti a caderevittima delle truffe on-line. Infatti, la portata delle frodi on-line sembraindicare che i cybercriminali riescano a ingabbiare tutte le tipologie diutenti.

 

Secondo il Professor Hollin: “Date le giuste condizioni in termini di capacità dipersuasione della comunicazione e la combinazione critica di fattori personalie circostanziali, la maggior parte delle persone potrebbe essere vulnerabile ainformazioni fallaci. Ciò è vero sia per gli utenti di computer esperti cheinesperti: mentre l'ingenuità potrebbe essere una spiegazione parziale, anchegli utenti più sofisticati possono essere tratti in inganno e diventaresuggestionabili da messaggi illusori.

 

Una minaccia in costanteevoluzione

Il report di McAfee “GiochiPsicologici” suggerisce anche che i truffatori digitali ricerchino ipunti deboli della mente e le molle da far scattare nelle potenziali vittime– come cercando nuovi titoli di eventi di portata globale in grado disuscitare interesse o compassione o agganciandosi ai più seguiti eventisportivi per creare tranelli psicologici più verosimili.

 

I cybercriminali stanno anche traendovantaggio dai nuovi trend sociali. La generazione di MySpace e Facebook, con iltipico utilizzo informale e frequente delle e-mail e degli aggiornamenti del sito,spesso non riesce a mettere in discussione la legittimità di e-mail o link egli utenti sono diventati vittime insospettabili sia di phishing sia di furtodi identità.

 

I truffatori digitali sempre più spessostanno puntando anche oltre i puri giochi psicologici on-line. Stanno iniziandocon successo a manipolare le nostre vulnerabilità avvicinandosi a strumentiguardati con meno sospetto, come i cellulari.

 

Greg Day, security analyst di McAfee hadichiarato: “I criminali apprendonodall’esperienza e diventano sempre più sofisticati: imparano qualitecniche hanno successo, chi cade in quale tranello, cosa aggira la sicurezza ecosì via. Come gli uomini della strada sono costantemente alla ricerca di nuovitrucchi, allo stesso modo i truffatori digitali hanno bisogno di sempre nuoveopportunità per sfruttare le vittime digitali. Oltrepassando le barrierementali, piuttosto che i software di sicurezza, è una tattica in evidenteincremento da parte dei cybercriminali e un metodo che continuerà a diventaresempre più fruttuoso nella marea degli attacchi online.

 

-fine -

 

Note per i giornalisti:

Metodologia della ricerca

Il team Avert Labs di McAfee ha identificatoesempi reali di truffe email comuni per farle analizzare dal professor Hollinper lo studio “Giochi Psicologici”.

 

I campioni raccolti da McAfee sono staticategorizzati per rispecchiare il tono del messaggio (per esempio, “Vocedell’autorità”), o il contenuto del messaggio (ad esempio“Vincitori di una competition”), o la tipologia della manipolazioneemozionale (ad esempio “Giocando sull’imbarazzo”).  Talicategorie di materiale arrivato da fonti reali è stato la base su cui è statasvolta l’analisi da parte del professor Hollin.

 

 

A proposito di McAfee, Inc.

Con sede principale a SantaClara, California, McAfee Inc., la principale azienda focalizzata sulletecnologie di sicurezza, offre prodotti e servizi di sicurezza riconosciuti eproattivi che proteggono sistemi e reti in tutto il mondo. McAfeemette a disposizione la propria approfondita competenza, impegno e innovazionedi utenti consumer, aziende, pubblica amministrazione e service provider peraiutarli a bloccare gli attacchi, evitare interruzioni delle attività etracciare e migliorare costantemente la loro sicurezza. Ulteriori informazionisono disponibili su Internet all’indirizzo: www.mcafee.com

 

 

Per Informazioni:
UfficioStampa                           BenedettaCampana, Silvia Asperges
McAfee, Inc.                        Prima Pagina Comunicazione
Tel:02/55.41.71                         Tel:02/76.11.83.01
Fax:02/55.41.79.00                      Fax:02/76.11.83.04
                                        e-mail:
benedetta@primapagina.it

                                      silvia@primapagina.it

 

###

NOTE: McAfee is a registered trademark of McAfee, Inc.and/or its affiliates in the U.S.and/or other countries. McAfee Red in connection with security is distinctiveof McAfee brand products. All other registered and unregistered trademarksherein are the sole property of their respective owners. © 2006 - 2007 McAfee, Inc. All rightsreserved.

 

Vi informiamo che i Vostri dati personali vengono trattati inrispetto del Codice in materia dei dati personali e ne viene garantita lasicurezza e la riservatezza.
Per i nostri trattamenti ci avvaliamo di responsabili edincaricati il cui elenco è costantemente aggiornato e può essere richiestorivolgendosi direttamente alla Società titolare al numero di telefono 02 76118301. In qualsiasimomento potrete fare richiesta scritta alla Società titolare per esercitare idiritti di cui all¹art. 7 del D.lgs 196/2003 (accesso correzione,cancellazione, opposizione al trattamento, ecc.).

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl