Sophos Top Ten giugno 2007: oltre 10.000 pagine web di siti italiani infettate da Iframe

03/lug/2007 11.49.00 Pragmatika Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

 Sophos Top Ten giugno 2007:  

oltre10.000 pagine web di siti italiani infettate da Iframe

 

Il clamoroso attacco verso i portali  italianiospitati da uno dei maggiori service provider nazionali fa debuttarel’Italia, al sesto posto, nella classifica dei paesi che ospitano ilmaggior numero di siti web infetti. Tra le vittime illustri alcuni sitiistituzionali e turistici assolutamente legittimi, manomessi dagli hacker. 

 

Milano, 3 luglio 2007

 

Sophos, società leader a livellomondiale nella sicurezza informatica e nella tecnologia di controllodell’accesso alla rete (NAC), ha reso nota la classifica dei malware chehanno dominato la scena nel mese di giugno 2007, causando problemi agli utentidi tutto il mondo.

Il rapporto, compilato sui dati raccolti dai SophosLabs,rivela un’ennesima brusca impennata delle minacce provenienti dal web. Nelmese di giugno, gli esperti di Sophos hanno identificato una media giornalieradi 29.700 nuove pagine web infette. Nell’80% circa dei casi si tratta disiti web innocui controllati dagli hacker.

 

La top ten del malware diffuso via web per il mese di giugno2007 è la seguente:

 

1.      Mal/Iframe                    64,0%

2.      Mal/ObfJS                    10,1%

3.      Troj/Psyme                  3,8%

4.      Troj/Fujif                       3,1%

5.      Troj/Decdec                 2,7%

6.      VBS/Redlof                 2,5%

7.      Mal/Packer                  1,1%

8.      Troj/Ifradv                     1,0%

9.      VBS/Haptime              1,0%

10.     Mal/Zlob                      0,9%

Altri                             9,8%

 

Il malware Iframe, che agisce piazzando codici dannosi sullepagine web, mantiene saldamente la prima posizione in classifica. A giugno, Iframeè stato ospitato su quasi due terzi delle pagine web infette a livello globale.Agli inizi del mese, ha suscitato scalpore l’attacco sferrato da Iframecontro numerosi siti web italiani ospitati da uno dei maggiori service providernazionali. Le pagine web infettate hanno superato quota 10.000. L’attaccoha fatto vittime illustri, tra cui siti istituzionali e turistici assolutamentelegittimi, manomessi dagli hacker.

 

"Il caso ‘Iframe’ che hariguardato il nostro paese deve essere interpretato come un segnale d’allarmeper i service provider a livello mondiale. I codici dannosi in agguato sul webnon aspettano altro che poter aggredire ignari navigatori della Rete. I sitiInternet dovrebbero essere inespugnabili come roccheforti, ma, al momento, la maggiorparte delle pagine web è facile preda dei criminali informatici", hadichiarato Walter Narisoni, Security Consultant di Sophos Italia.  

 

La top ten dei Paesi che ospitano il maggior numero di sitiweb infetti per il mese di giugno 2007 è la seguente:

 

1.     Cina (inclusa Hong Kong)                  59,3%

2.     Stati Uniti                                              23,9%

3.     Russia                                                  3,6%

4.     Germania                                             1,7%

5.     Ucraina                                                 1,4%

6.     Italia                                                      1,0%

7.     Taiwan                                                  0,8%

8.     Brasile                                                  0,8%

9.     Gran Bretagna                                     0,8%

10.    Canada                                               0,6%

         Altri                                                       6,1%

 

In vetta alla classifica di questo mese si riconferma la Cina.Il debutto dell’Italia al sesto posto è da ricondursi principalmente almassiccio attacco di inizio mese ad opera di Iframe. Anche il malware ObfJS, inseconda posizione tra le minacce più diffuse via web, ha contribuito alpiazzamento dell’Italia nella top ten infettando, ai primi di giugno, unapopolare pagina web italiana.

 

"Il fatto che la Cina ospiti la fettapiù consistente delle pagine web infette a livello mondiale non deve indurregli altri Paesi ad adagiarsi sugli allori", ha aggiunto WalterNarisoni. "L’ascesa del nostroPaese in classifica sottolinea invece la necessità per tutti gli altri disensibilizzare i service provider e gli amministratori dei siti web allaprotezione adeguata dei propri siti dalle minacce che si annidano in Rete".

 

La top ten del malware diffuso permezzo della posta elettronica per il mese di giugno 2007 è la seguente:

 

1.      W32/Netsky                 31,4%

2.      W32/Mytob                  20,9%

3.      Mal/Iframe                    10,9%

4.      W32/MyDoom             6,4%

5.      W32/Sality                   5,4%

6.      W32/Zafi                      5,0%

7.      W32/Bagle                  5,0%

8.      Mal/DownLdr               2,6%

9.      W32/Stratio                 2,6%

10.     W32/Nyxem                2,0%

        Altri                                7,8%

 

La presenza di Iframe nel terzo gradino della classifica deimalware più diffusi mediante la posta elettronica dimostra che questo malwarenon si limita a infettare gli utenti usando Internet come vettore, ma si serveanche della posta elettronica. Per attaccare gli utenti, infatti, gli hackerincorporano il malware all’interno dei messaggi e-mail che utilizzano ilcodice HTML.

 

Il grafico della top ten dei virus è disponibileall’indirizzo: www.sophos.com/pressoffice/imggallery/topten/

 

Per maggiori informazioni sull’uso sicuro delcomputer, incluse le regole per proteggersi dai falsi allarmi, visitare: www.sophos.it/security/best-practice/

 

 

 

A proposito di Sophos

 

Sophos è società leader a livello mondialenella sicurezza informatica e nella tecnologia di controllo dell’accessoalla rete. Sophos garantisce una protezione completa, sia a livello gateway cheendpoint, contro minacce complesse quali malware noto e sconosciuto, spyware,intrusioni, applicazioni indesiderate, spam, violazioni delle politiche disicurezza aziendale e accesso non controllato alla rete. Le soluzioni Sophos,affidabili e facili da utilizzare, sono progettate su misura per le aziende, ilsettore education e la Pubblica Amministrazione, e proteggono oltre 100 milionidi utenti in più di 150 Paesi. Sophos dispone di una rete mondiale di centriper l’analisi delle minacce informatiche, in cui operano espertialtamente qualificati. Forte della propria esperienza ventennale nel settore edella competenza dei propri centri di ricerca e analisi, Sophos rispondetempestivamente alle nuove minacce alla sicurezza e vanta un livello invidiabiledi soddisfazione dei clienti. Sophos è una multinazionale con sede centrale aOxford, Gran Bretagna. Per maggiori informazioni su Sophos, visitare www.sophos.it.

 

 

Ufficio Stampa Sophos Italia  

 

Pragmatika S.r.l.

 

Rossella Lucangelo

Silvia Voltan 

 

Tel. 051.6242214

                                                                      

ross@pragmatika.it                                                                                  

silvia@pragmatika.it

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl