Come scegliere il ripetitore WiFi 2 porte per estendere il segnale?

17/mag/2017 16:55:39 Grey Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

A casa vostra o in ufficio il segnale del Wi-Fi è debole? O volete espanderlo per un raggio maggiore in tutta la casa? Per farlo potrebbe esservi molto utile un ripetitore Wi-Fi. Ecco come scegliere quello che fa al caso vostro.

In ambienti chiusi non c’è sempre la possibilità di installare il modem router in modo ottimale in modo che copra tutto l’ambiente. In molti casi il segnale risulta quindi assente o debole in alcune stanze. Per migliorare la copertura del segnale del wireless, non è strettamente necessario acquistare un nuovo modem router. In commercio infatti ce ne sono di particolari e specifici che permettono replicare e ampliare il segnale della connessione, così da coprire anche gli angoli più remoti da raggiungere. Questi apparecchi si chiamano range extender Wi-Fi, Wi-Fi extender, Wi-Fi repeater.

Come scegliere il ripetitore Wi-Fi?

Innanzitutto sappi che il ripetitore non deve essere della stessa marca del modem router, infatti in commercio vi sono dei dispositivi che utilizzano valori standard che li rendono compatibili con tutti i router solitamente in uso, quindi universalmente compatibili. Le caratteristiche principali da valutare poi sono le seguenti.

·         Ripetitore e Access Point: I ripetitori Wi-Fi di alta qualità permettono non solo di estendere la copertura a tutta la casa, ma possono anche essere utilizzati come access point, cioé modem router. Essi quindi permettono la conversione di una connessione fatta con rete cablata in un segnale a wireless, permettendo di connettersi così anche in zone della cosa dove non sarebbe disponibile.

·         La velocità, espressa in Mbps. Questa viene riportata nel suo valore massimo, ma di solito ha una velocità media inferiore. I sistemi migliori e più efficienti sono a banda incrociata.

·         Installazione semplificata con WPS: Un buon ripetitore ha il tasto WPS (Wi-Fi Protected Setup), che consente di aggiungere il nuovo apparato alla rete senza dover effettuare installazioni e fornire informazioni supplementari come SSID, password, cifratura, nome di rete etc. La connessione avviene quindi in modo facile e veloce. Se si desidera un installazione in modalità manuale, un buon ripetitore, lo consente permettendo l’installazione mediante l’interfaccia web del browser del supporto informatico. Tutto questo, ovviamente, se il modem router supporta la tecnologia WPS.

·         Indicatore integrato di segnale: valutate poi la presenza dell’indicatore della potenza del segnale, in modo tale da poter posizionare il ripetitore al meglio e avere massima rete.

·         Sistema dual band: accertati che l’apparecchio sia dual band simultaneo, ovvero che potenzi la rete 2,4 GHz e anche quella a 5 GHz. Così si potrà scegliere a che banda collegarsi. I sistemi che hanno un’unica interfaccia radio devono dividere la banda a disposizione su due fronti, quindi hanno velocità inferiore.

·         Ripetitore WiFi 2 porte Ethernet o 1 porta, per collegare con il cavo LAN altri dispositivi che non hanno la connessione Wi-Fi, come per esempio la Tv smart, la console, il decoder.

·         Se ti interessa guarda che l’apparecchio si possa accendere e spegnere, senza scollegarlo dalla corrente, quindi che abbia il tasto di Accensione/spegnimento.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl