Una ricerca McAfee evidenzia come i CIO sono ancora ai margini nel consiglio aziendale

Una ricerca McAfee evidenzia come i CIO sono ancora ai margini nel consiglio aziendale UNARICERCA DI MCAFEE EVIDENZIA COME I CIO SONO ANCORA AI MARGINI DEL CONSIGLIOAZIENDALE ICIO sono poco influenti, mentre l'IT viene vista come funzione di businessstrategica Milano,29 maggio 2008- McAfee, Inc. (NYSE:MFE), la principale azienda al mondo focalizzatasulla sicurezza, ha annunciato oggi i risultati di una nuova ricerca cherivela che i chief information officer (CIO) hanno ancora posizioni defilatenel consiglio di amministrazione delle aziende con solo il 47% che porta leproblematiche IT all'attenzione delle riunioni direttive.

29/mag/2008 12.00.00 Prima Pagina Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

UNARICERCA DI MCAFEE EVIDENZIA COME I CIO SONO ANCORA AI MARGINI DEL CONSIGLIOAZIENDALE

ICIO sono poco influenti, mentre l’IT viene vista come funzione di businessstrategica

 

Milano,29 maggio 2008– McAfee, Inc. (NYSE:MFE), la principale azienda al mondo focalizzatasulla sicurezza, ha annunciato oggi i risultati  di una nuova ricerca cherivela che i chief information officer (CIO) hanno ancora posizioni defilatenel consiglio di amministrazione delle aziende con solo il 47% che porta leproblematiche IT all’attenzione delle riunioni direttive. In quasi lametà (45%) delle aziende intervistate è il chief executive officers (CEO) aprendere le decisioni in merito alle questioni relative all’IT mentre unquinto dei chief financial officers (CFO) rappresenta il reparto IT. Questosottolinea la necessità che chi è a capo dell’IT faccia di più peraccrescere le proprie visibilità e influenza e come l’IT sia sempre piùconsiderato centrale per la reputazione e il successo dell’azienda.

McAfee hacommissionato all’Economist Intelligence Unit la realizzazione di unaricerca che esaminasse le variazioni nei rapporti tra il CIO e la direzioneaziendale. Fortunatamente, nonostante l’apparente mancanza di poteredecisionale all’interno della “sala dei bottoni”, sembra checi siano stati progressi nella crescita complessiva del profilo del CIO e dicome vengono percepite le responsabilità del dipartimento IT.

 

Dacentro di costo a centro di profitto

Superando latradizionale focalizzazione sull’efficienza economica, il 42% degliintervistati ora considera l’IT principalmente come una funzione dibusiness strategica. Grazie alla crescente attenzione da parte delle aziende perla conformità alle normative, per la buona gestione e il risk management, leorganizzazioni IT ora hanno il compito di assegnare e misurare il rischio allostesso modo del finance.

Non solo quasi unterzo (30%) degli intervistati ritiene che il dipartimento IT sia responsabilein primo luogo di promuovere la sicurezza di rete e di sistema - consolidandola percezione del ruolo del CIO come abilitatore di una buona corporategovernance - ma il 31% considera che il ruolo arrivi anche a generare guadagni.In quanto tale, l’83% degli intervistati concorda che  questa crescitanelle funzioni abbia aiutato a far sì che il profilo del CIO crescesse allivello dirigenziale e un quarto è convinto che in generale le relazioniall’interno della direzione siano notevolmente migliorate negli ultimidue anni.

 

CIOcontro CFO

Curiosamente,sembra che la più grande sfida per l’importanza del CIO sia posta daiCFO, con la stragrande maggioranza (86%) degli intervistati in questo ruolo,che la considerano semplicemente una funzione di supporto.

Inoltre, nessunodei CFO intervistati ha collocato il dipartimento IT tra i principaliresponsabili nella generazione dei profitti, mentre il 71% preferisceidentificarlo principalmente come chi si occupa di fornire sicurezza di sistemae di rete.  Se consideriamo che secondo i dati del whitepaper circa il 20% deiCFO partecipa alle riunioni di direzione al posto del dipartimento IT, questostona con l’importanza con cui è considerata l’IT.

 

Piùper meno

Tuttavia, mentre siprevede che il ruolo del CIO continui a crescere in parallelo con le crescentinecessità di una buona gestione aziendale, il duro ambiente aziendale comportache un timido quarto (23%) di aziende non apporterà modifiche nelle proprieintenzioni di investimenti in risk management nel prossimo anno. Un ulteriore30% non cambierà l’impegno di spesa in compliance. Questo significa chementre l’82% prevede che nei prossimi anni aumenteranno le normative, gliinvestimenti rimarranno invariati e il dipartimento  IT sarà costretto asoddisfare una maggiore richiesta con lo stesso numero di risorse.

OttavioCamponeschi, regional director di McAfee per l’Italia ha dichiarato: “E’ preoccupante che in unmomento in cui la governance, il rischio e la conformità sono essenziali per ilsuccesso di un’azienda, solo una minoranza di CIO abbia un ruolo attivoall’interno dei board direttivi. I responsabili a capo dell’ITdevono capitalizzare rapidamente i progressi fatti negli ultimi anni per esserecerti che sia ben compreso da chi ha potere decisionale tutto quello che puòdipendere dagli investimenti nell’IT.”

 

“Far sì chela direzione comprenda il valore strategico della funzione IT è una durabattaglia, e non è ancora finita” ha aggiunto Clint Witchalls, SeniorEditor di Economist Intelligence Unit. “Il CIO deve stare molto attentoaffinché l’attuale frangente economico non lo veda relegato in unaposizione a rischio di essere tagliata per prima.”

FINE

A proposito della ricerca

EconomistIntelligence Unit: The evolving relationshipbetween the CIO and the board (EIU Feb 2008).

La ricercaeffettuata in EMEA è stata condotta su 185 dirigenti in una varia tipologia disettori nel novembre 2007. Tutti gli intervistati erano dirigenti senior cosìsuddivisi: l’82% a livello direttivo, più di un terzo chief executiveofficer e il 30% CIO.

 

A proposito di McAfee, Inc.

Con sede principale a Santa Clara,California, McAfee Inc è la principale azienda focalizzata sulle tecnologie disicurezza. Offre prodotti e servizi di sicurezza riconosciuti e proattivi cheproteggono sistemi e reti in tutto il mondo, consentendo agli utenti dinavigare e effettuare acquisti sul Web in modo sicuro. McAfee mette adisposizione la propria approfondita competenza, impegno e innovazione diutenti consumer, aziende, pubblica amministrazione e service provider peraiutarli a essere conformi con le normative, proteggere i dati, prevenireinterruzioni delle attività, identificare le vulnerabilità  e monitorare emigliorare costantemente la loro sicurezza. Ulteriori informazioni sonodisponibili su Internet all’indirizzo: www.mcafee.com

 

Per Informazioni:

 

Ufficio Stampa

McAfee, Inc.

Tel: 02/55.41.71

Fax: 02/55.41.79.00

 

Benedetta Campana, Tania Acerbi

Prima Pagina Comunicazione

Tel: 02/76.11.83.01

Fax: 02/76.11.83.04

e-mail: benedetta@primapagina.it

           tania@primapagina.it

 

Vi informiamo che i Vostri dati personali vengono trattati inrispetto del Codice in materia dei dati personali e ne viene garantita lasicurezza e la riservatezza.
Per i nostri trattamenti ci avvaliamo di responsabili edincaricati il cui elenco è costantemente aggiornato e può essere richiestorivolgendosi direttamente alla Società titolare al numero di telefono 02 76118301. In qualsiasimomento potrete fare richiesta scritta alla Società titolare per esercitare idiritti di cui all¹art. 7 del D.lgs 196/2003 (accesso correzione,cancellazione, opposizione al trattamento, ecc.).

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl