Clima 81: dall'indagine di clima al miglioramento delle performance.

11/giu/2009 19.43.58 Redazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

In Italia il 27% dei lavoratori è vittima di stress prolungato e si stima che il 50-60% delle giornate di malattia siano imputabili a esso. Si calcola che, solo nell’Unione Europea, il costo economico annuo dello stress prolungato ammonti a oltre 20 miliardi di euro e colpisca circa 40 milioni di persone.

Sono dati allarmanti, senza ombra di dubbio, ma in Italia siamo abituati da anni a notizie di questo genere che indignano, scatenano polemiche e si dimenticano mediante una sorta di rimozione collettiva.

Se parliamo di benessere e di contenimento dello stress, siamo tutti chiamati in causa, indipendentemente del tipo di lavoro, mansione e ambito di attività, perché la presenza di persone motivate in un’impresa aumenta il valore di tutta l’azienda e la sua forza sul mercato. Gli imprenditori europei stanno prendendo coscienza del fenomeno e si stanno organizzando per contrastarlo efficacemente. Gli obblighi contenuti nel D.Lgs. 81/2008, inerenti lo stress lavoro correlato, rappresentano una grande occasione per attuare anche in Italia un radicale mutamento nelle organizzazioni aziendali. Il problema reale non è rispettare gli obblighi di legga, ma abbattere le spese dovute a stress, malattia o semplice demotivazione, aumentando di conseguenza la produttività.

Un lavoratore “felice”, così come lo definisce il premio Nobel per l’Economia Daniel Kahneman, è più efficiente, si ammala meno e crea un clima favorevole in azienda. Tutte buone ragioni che non sembrano trovare ascolto in Italia, dove ci ostiniamo ancora a pensare che un lavoratore sottoposto a stress o che fa molto straordinario produca di più. Ci spiace deludere chi la pensa in questo modo, ma non è così. Nella maggior parte dei casi molto tempo viene sprecato a causa dell’affaticamento mentale.

Per questo motivo BLC – Benessere Lavoro Correlato ha ideato l'applicazione “Clima 81, uno strumento assolutamente innovativo, ideale per la valutazione e l'analisi dei rischi connessi allo stress lavoro correlato. E' la prima soluzione di questo genere realizzata in Italia che permette di analizzare in tempi rapidi e a costi contenuti, grazie a un questionario basato su una sperimentata metodologia d’indagine e analisi dati web-based, gli elementi che possono influenzare lo stato psico-fisico delle persone che lavorano in azienda. Oltre al report di analisi dei dati di ricerca, composto da un’indagine di clima correlata a da una valutazione dei livelli di stress, viene prodotto un piano di miglioramento per prevenire/contenere il rischio e aumentare l'efficienza organizzativa. Sono già molti i consulenti aziendali (soprattutto operanti nell'area della sicurezza sul lavoro e delle risorse umane) che ci hanno contattato www.benesserelavorocorrelato.it per diventare partner nell’offerta di servizi innovativi ai propri clienti. Insieme possiamo realizzare un grande network di professionisti del cambiamento. Non perdere l’occasione e informati sul nostro sito.

BLC nasce dall’esperienza di un gruppo di psicologi del lavoro e clinici e di professionisti che operano in diversi ambiti della consulenza alle imprese: l’organizzazione aziendale, la formazione, la comunicazione, i sistemi di gestione qualità e l’integrazione di sistemi.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl