COMUNICATO STAMPA Così cambia il CRM

02/ago/2011 10.55.03 siseco Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Buongiorno,
complice la crisi, molte aziende hanno cambiato il modo di gestire l'azienda. Si è modificato anche il CRM, la piattaforma tecnologica che consente non solo di gestire i rapporti con i clienti, ma anche di avere sotto controllo l'attività commerciale e di aumentare la produttività.
Grazie e buon lavoro
Silvia Perfetti

Così cambia il CRM: non solo migliorare i rapporti con i clienti ma anche controllare i venditori e aumentare la produttività
Tagliato su misura e a costi ridotti: il Customer Relationship Management cresce anche nei momenti di crisi. «Grande sviluppo tra le piccole imprese», commenta l'ad di Siseco

Cambiano i tempi e cambiano le necessità delle aziende. Anche il CRM assume nuove forme: più semplici, più immediate, meno costose e soprattutto più personalizzate e finalizzate ad avere un ritorno rapido in termini di investimento. «Non c'è più una piattaforma unica valida per tutti, ma si va sempre più alla ricerca di soluzioni mirate per risolvere problemi reali e per dare riscontri immediati sul bilancio, una priorità per tutte le aziende» afferma Roberto Lorenzetti, amministratore delegato di Siseco, azienda del milanese specializzata in soluzioni IT.
Secondo la definizione tradizionale il CRM, sigla per Customer Relationship Management, è uno strumento ad alto contenuto tecnologico che permette di gestire i rapporti con i clienti, mettendo a fuoco i gusti e le esigenze di ciascuno di loro. In realtà consente di fare molto di più, diventando un misuratore della redditività delle azioni compiute all'interno dell'azienda, da quelle commerciali al servizio clienti. «Con un semplice click si riesce a controllare tutta la parte commerciale, monitorando l'andamento delle vendite e il rendimento dei venditori. In questo modo si ha un'attività costante di controllo e verifica, andando a promuovere, se necessario, azioni mirate per solleticare l'attività di vendita» spiega Lorenzetti. Il CRM insomma è visto sempre di più come uno strumento per migliorare il ROI e un indicatore attendibile per misurare la redditività dell'azienda, anche per attività che sono solo di servizio ma che in realtà danno un ritorno.
«Fino a qualche anno fa il CRM era inteso come un qualcosa di complesso e costoso, appannaggio di aziende medio grandi -spiega Lorenzetti-. Oggi anche le piccole imprese hanno ormai capito che non possono più evitare l'informatizzazione, e hanno anche compreso che questa può semplificare loro la vita, aumentando l'efficienza e riducendo i costi. È dunque inevitabile che si avvicinino al CRM». Così è cambiato il modo di pensare, studiare e progettare il CRM. «Non siamo più davanti ad un modello unico, declinabile nelle diverse situazioni, ma ad uno strumento che può essere modellato in base alle esigenze dell'azienda», continua L'AD di Siseco. «I sistemi CRM sono diventati più maturi e flessibili, per accogliere integrazioni con costi più contenuti e tempi più rapidi. Non andiamo più a proporre il nostro CRM a 360 gradi, ma abbiamo messo a punto soluzioni che rispondono punto per punto alle esigenze delle aziende: la ricerca di nuovi clienti (web lead generation); la gestione della forza vendita e della relazione con i clienti o prospect; attività di contact center e telemarketing per call center; help desk e assistenza clienti».
La testimonianza concreta di questi cambiamenti che il CRM sta vivendo è nella strategia promozionale utilizzata per i quattro nuovi strumenti ideati da Siseco: totalmente via web, grazie ad altrettanti mini-siti creati ad hoc per intercettare potenziali clienti, indicizzati secondo le ultime tecnologie Seo. «Oggi chi cerca qualcosa, compreso un servizio, per prima cosa si rivolge a Google: vuole trovare risposte chiare e coincise a un problema specifico, ed è quello che noi offriamo», sottolinea Lorenzetti.
I margini di crescita per questo ambito ci sono. Nonostante i tagli dovuti alla crisi, infatti, molte piccole e medie imprese italiane investono nel CRM. «È proprio il fattore crisi a far scattare due azioni complementari: la fidelizzazione dei propri clienti e la ricerca di nuovi -prosegue Lorenzetti-. Nella piccola impresa, stanno riscuotendo successo gli strumenti "on demand", che hanno il vantaggio di evitare i costi iniziali e di pagare solo i prodotti effettivamente utilizzati. E i nostri clienti stanno ottenendo ottimi riscontri, soprattutto in questi ultimi due anni di crisi profonda».

Siseco. Nata nel 1987, Siseco (www.siseco.com) è azienda leader nel settore IT e sviluppa soluzioni rigorosamente "Made in Italy" grazie a un team interno di ingegneri e tecnici. I prodotti di punta sono GAT.crm, un sistema che vanta 10 anni di esperienza ed è utilizzato da oltre 31mila utenti, e b.com il CRM di nuova generazione realizzato in un'ottica web 2.0, potente, innovativo e altamente personalizzabile. Le proposte Siseco sono le uniche fornite già con i dati della Guida Monaci integrati: un database completo con l'anagrafica di 500mila aziende italiane verificate pronto per essere utilizzato e l'innovativo sistema di Lead Generation Integrato al CRM, basato sulla formula "Pay per Lead". Sono oltre 300 le realtà in tutta Italia che utilizzano le piattaforme Siseco, tra queste Editalia (Istituto Gruppo Poligrafico Zecca dello Stato), Fastweb, Tre, Michelin, Il Sole 24 Ore, Telecom Italia, Editoriale Secondamano, Bottega Verde, Del Taglia Piscine.


Ufficio stampa Siseco: Eo Ipso
Info: Silvia Perfetti 346/9488777 sperfetti@eoipso.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl