Mutui.it: continua a crescere la richiesta di surroghe.

06/ott/2010 09.42.40 Facile.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Mutui.it: continua a crescere la richiesta di surroghe.

Ormai rappresentano il 18% dei flussi

 

La concorrenza fra banche e  la diffusione dei comparatori online

spingono i sottoscrittori a trovare l’offerta migliore

 

Milano, Ottobre 2010 – La legge 40/2007, più nota come Decreto Bersani, aveva come obiettivo quello di favorire la concorrenza fra le Banche e, in questo modo, agevolare chi doveva sottoscrivere un mutuo per comprare casa. La possibilità di trasferire il proprio mutuo a una nuova banca che offre condizioni migliori (tecnicamente “surroga”) una fra le modifiche più importanti introdotte, continua a riscontrare favori e oggi rappresenta il 18% dei flussi per le richieste di mutuo.

 

A dirlo è Mutui.it (www.mutui.it) , il comparatore online che ha analizzato oltre 18.000 richieste di mutuo giunte negli scorsi mesi attraverso le pagine del sito.

 

Alberto Genovese di Mutui.it spiega: “Confrontare le offerte di diverse banche permette di trovare le migliori condizioni per ciascuno e ormai, grazie all’avvento dei comparatori online, questo è facile e alla portata di tutti. La surroga è un’opportunità importante, sia per gli Istituti di Credito sia per i sottoscrittori  e la crescita che vive questo tipo di prodotto lo dimostra”.

 

Secondo i dati resi noti da Mutui.it, le regioni in cui si è ricorso più spesso alla surroga sono state Il Trentino Alto Adige, il Friuli Venezia Giulia e le Marche, dove la percentuale di chi richiede la surroga del mutuo passa, rispettivamente, al 31,04%, 29,25% e 22,55%. Subito dietro al podio la Sardegna (21,10%) e, a pari merito,  l’Emilia Romagna e il Veneto (20,48%). Fanalini di coda Basilicata e Calabria, entrambe sotto al 10%.

 

E’ curioso notare come il maggior numero di richieste di surroga del mutuo sia giunto a Mutui.it da appartenenti ai corpi delle Forze Armate (27,09%), che precedono gli imprenditori (20,49%) e gli operai (20,13%).

 

La surroga permette di trasferire il mutuo contratto con una banca ad un altro Istituto di credito, il tutto senza costi aggiuntivi né di spese notarili. Avere una proposta migliore a condizioni più vantaggiose si è dimostrato un incentivo enorme per cambiare e in soli sei mesi le surroghe sono cresciute del 3% sul totale dei flussi.

 

Continua Alberto Genovese: “La grande richiesta di surroga da parte degli utenti è un segnale importante e per questo abbiamo creato su Mutui.it una sezione dedicata a surroghe e sostituzioni che permette di orientarsi in maniera semplice fra le proposte degli Istituti di Credito. In pochi giorni le richieste giunte sono state migliaia.“

 

 

Ecco, di seguito, le percentuali di quanti hanno richiesto a www.mutui.it un preventivo per la surroga del mutuo nelle diverse Regioni d’Italia e le professioni che più sono interessate a questa opportunità:

 

Trentino-Alto Adige

31,04%

Friuli-Venezia Giulia

29,25%

Marche

22,55%

Sardegna

21,10%

Emilia-Romagna

20,48%

Veneto

20,48%

Lombardia

19,73%

Puglia

18,11%

Campania

17,56%

Valle D'aosta

16,56%

Lazio

16,22%

Piemonte

15,89%

Liguria

15,62%

Abruzzo

15,40%

Toscana

14,10%

Molise

13,62%

Umbria

11,49%

Sicilia

10,59%

Calabria

9,87%

Basilicata

8,32%

 

Forze Armate

27,09%

Imprenditore

20,49%

Operaio

20,13%

Commerciante

18,56%

Libero Professionista

18,25%

Impiegato

17,21%

Quadro/Funzionario

17,08%

Artigiano

15,60%

Pensionato

15,28%

Medico

14,84%

Insegnante

11,41%

Dirigente

11,27%

Consulente

10,54%

Giornalista

9,32%

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl