StopItanglese – Prime rilevazioni sull’utilizzo dell’Itanglese da parte della stampa in Italia

E' evidente ormai come gli italiani al lavoro abbandonano sempre di più i termini nostrani per importare quelli inglesi che sembrano più di moda, ma come si comportano i principali mezzi di comunicazione?

25/mag/2011 14.22.54 Agostini Associati Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
E’ evidente ormai come gli italiani al lavoro abbandonano sempre di più i termini nostrani per importare quelli inglesi che sembrano più di moda, ma come si comportano i principali mezzi di comunicazione? Ce lo dice StopItanglese.it, rendendo disponibile una sintesi delle prime rilevazioni condotte dal gruppo coordinato da Massimo Arcangeli in merito all’utilizzo dell’Itanglese, parole inglesi all’interno della lingua italiana, da parte della stampa. Nel periodo tra il 15 aprile ed il 15 maggio sono stati analizzati i principali quotidiani e periodici del nostro Paese (“la Repubblica”, “Corriere della Sera”; “Il Giornale”; “Libero”; “La Stampa”; “Il Messaggero”, “L’Espresso” e “Panorama”) e le prime rilevazioni sono tutt’altro che incoraggianti. “Moltiplicano innanzitutto l’anglicismo in una serie interminabile di formazioni con quell’una (o quelle poche) di partenza a fungere da modello” sostiene Arcangeli. Qualche esempio? “La Californian way of life richiama ovviamente l’American way of life; beauty generation è modellata su beat generation, con il concorso della più recente digital generation; i Mantovano boys riprendono i papa boys” e così via. Il blog StopItanglese nasce con l’obiettivo di monitorare il fenomeno Itanglese ed in particolare il suo utilizzo da parte dei principali mezzi di comunicazione. Si è partiti con la stampa, a seguire verranno analizzate emittenti radiofonice, televisive e pubblicità. Nel mese di settembre verrà pubblicato un rapporto che mostrerà in modo esaustivo l’incidenza di termini inglesi nella nostra lingua che, lo ricordiamo, è la più studiata al mondo. “Ridateci l’italiano” conclude Arcangeli “l’italiano vero. Non costringeteci a pensare, per l’ennesima volta, che i più grandi denigratori, i più grandi avversari, i più grandi nemici dell’Italia siano proprio gli italiani.”
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl