AUCHAN, LA PRIMA PIATTAFORMA PER L’EXPORT ITALIANO NELLA GDO

26/mar/2012 18.06.48 Nove34 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

AUCHAN, LA PRIMA PIATTAFORMA PER L’EXPORT ITALIANO NELLA GDO

Si è concluso con successo il workshop promosso dal Mipaaf sul tema delle "Nuove strade per l’export del Made in Italy: l’esperienza di Auchan", che ha posto l’attenzione su una nuova opportunità: la GDO come piattaforma per l’export dell’agroalimentare di qualità. "Nei mercati mondiali – spiega Fabio Sordi, direttore acquisti e mercati di Auchan- si afferma sempre più la domanda di prodotti agroalimentari di qualità e in questo ambito l'Italia agroalimentare è universalmente riconosciuta come simbolo di eccellenza. Per questo abbiamo creato una piattaforma export che si sta impegnando a sostenere le Pmi in questo processo. I numeri dimostrano che il nostro lavoro in qualità di partner per progetti di sviluppo internazionale ha ottime potenzialità: dopo aver avviato il programma nel 2010, nel 2011 i volumi di export hanno già raggiunto i 3 milioni di euro e prevediamo un significativo sviluppo nel 2012. In modo particolare, stiamo esplorando il mondo del vino italiano con Auchan Russia,  mercato dove solo l'anno scorso abbiamo realizzato un volume di vendita diretta di 1 milione di Euro e 2 milioni complessivi Gruppo  e prevediamo anche in questo canale di produzione il raddoppio del volume"."Sono fortemente orgoglioso della collaborazione con Auchan - esordisce Vito Varvaro, presidente della cantina Settesoli, la più grande azienda vitivinicola siciliana, in provincia di Agrigento, partner dell'iniziativa che ha il patrocinio del Ministero per le Politiche Agricole – che un gruppo francese promuova il vino italiano è un progetto virtuoso che meriterebbe tutta la risonanza possibile. Significa non solo ampliare enormemente l’orizzonte locale di noi produttori, ma rendere davvero globale il nostro patrimonio territoriale”. "Sono entusiasta di questo progetto di valorizzazione – aggiunge Gregory Perrucci, la terza generazione di Racemi, azienda che valorizza i vitigni autoctoni della Puglia e che collabora come partner commerciale di Auchan da oltre dieci anni – perché dimostra che la Gdo non è soltanto vino sfuso, ma attenzione alla qualità e alla territorialità nel rispetto dell’identità del produttore. In poche parole, noi possiamo continuare ad andare sui mercati con la nostra faccia, ma supportati da un grande gruppo che crede nella vera e buona tradizione locale italiana".Un progetto, quindi, dal respiro davvero internazionale, patrocinato dal Ministero per le Politiche Agricole con il rinnovo fino al 2017, e che rappresenta un esempio concreto di collaborazione tra produttori, imprese e istituzioni.  Il progetto vanta un accordo con Total Quality Food, società specializzata nella consulenza alle aziende del settore alimentare, garantendo così un servizio di etichettatura assicurato, e certificato, nonché  l’assistenza tecnico legale per la conformità di prodotto e delle norme in tutti gli 11 paesi extraitaliani in cui l'azienda è presente. L'insegna Auchan è presente in Italia dal 1989, anno in cui è stato aperto il primo ipermercato a Torino. Oggi Auchan spa è presente in 12 regioni italiane con 51 ipermercati a gestione diretta e 7 in franchising, impiega oltre 13000 dipendenti    

Per la stampa:Mattea Guantieri Nove34 Srl  Redazione: via del Bersagliere 19 – Verona Tel. +39 045 595245 Mob. +39 333 63 75 821 Anna Tuteur Direttore Relazioni Esterne e   Affari Istituzionali Auchan e G.C.I.Tel. +39 02 57 58 5189Mob. +39 335 6986 350

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl