Hosting, prezzi e assistenza

07/lug/2014 10:15:23 DadoNet Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’ideale hosting per WordPress dev’essere italiano e munito di specifiche caratteristiche tecniche inerenti al tipo di linguaggio, di server, di database. Ma quanto dovrebbe costare? Esistono spazi hosting per WordPress sia gratuiti sia a pagamento, ma ci sono delle immaginabili differenze. È abbastanza evidente che nel primo caso i settaggi e le eventuali configurazioni possano costituire un problema se non un ostacolo, mentre nella seconda ipotesi sono questioni facilmente superabili, e ci si guadagna pure in termini di qualità e velocità. Quindi, è opportuno andare in questa direzione. D’altro canto, i prezzi sono abbordabili: il servizio costa dai 40 ai 60 euro annui, e si può lavorare su dei server condivisi. Effettuare un backup od organizzare un database diventa in questo modo estremamente semplice.

Esiste persino un’altra possibilità. Wordpress.com propone uno spazio dedicato. Qui basta soltanto registrarsi (la piattaforma software chiaramente già c’è, e il server pure) e dare un nome al blog. Sono sufficienti cinque minuti.

Tra l’altro, l’hosting per WordPress si può creare direttamente sul proprio PC, che così fungerebbe da server. Tutti gli esperimenti e le verifiche potrebbero essere fatti rapidamente, una volta stabilite configurazioni e impostazioni.

 

Coloro che sanno di non essere particolarmente pratici con le questioni informatiche devono informarsi inoltre sulla validità dell’assistenza, sulla sua disponibilità, sulla sua rintracciabilità, sulla sua capacità. È importante, soprattutto per aggirare nervosismi e sprechi di tempo. Questo genere di “soccorso” avviene spesso via e-mail, ma si può trovare anche tramite chat, che è comprensibilmente meglio in quanto a tempistica. Oltretutto, ci sono hosting che forniscono un pannello di controllo, o cPanel, che abbrevia e semplifica parecchie operazioni. In questa maniera è tutto più intuitivo, anche per gli inesperti, quindi meglio sincerarsi che questa dotazione ci sia. Registrazione domini e trasferimento domini, per un sito in WordPress, necessitano delle stesse procedure previste per i siti web realizzati con altri open source.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl