Come indicizzare un sito web partendo dai contenuti

10/apr/2017 13:59:05 semseo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’indicizzazione sui motori di ricerca oggi è molto più impegnativa, richiede molte competenze e una supervisione dell’insieme.

La search engine optiomization in questo momento si basa soprattutto sulla qualità dei contenuti. Contenuti di scarso valore difficilmente riescono ad entrare nelle serp.
In precedenza era possibile tramite azioni di link building molto importanti, ma con l’aggiornamento dei nuovi algoritmi questo è diventato meno rilevante. Non che non serva, nota bene, ma ha una percentuale inferiore di rilevanza rispetto agli altri 200 e più fattori.

Il contenuto deve essere unico, per crearlo è necessario avere ben in mente quali sono le keywords per cui deve compiere il suo scopo, cioè attrarre l’utente, favorire la conversione ed essere indicizzato.

Il web è pieno di pagine web che trattano il solito argomento, ed è giusto domandarsi come mai alcune salgono nelle serp mentre altre rimangono anonime.

In prima battuta è necessario capire che i motori di ricerca moderni sono in grado di interpretare un contenuto e considerarlo di qualità se è pertinente all’argomento, se tratta l’argomento in profondità e con autorevolezza, se al suo interno sono presenti una serie di parole che suggeriscono che è in topics con il titolo e la description.

E’ corretto suddividere l’articolo per punti usando gli H per individuare titoli e sottotitoli, utilizzare gli elenchi puntati, bold, corsivo, e immagini. Una pagina ricca di immagini non solo è più scorrevole e comprensibile, oltretutto attraverso gli alt è possibile andare ad aggiungere keywords che possono migliorare l’indicizzazione ed il posizionamento organico.

Se un contenuto è di qualità impiegherà circa 3 giorni ad entrare nelle serp.

Dopo è necessario procedere con il monitoraggio per vedere fino a che punto riesce a salire senza dover intervenire. Gli interventi possono essere di 2 tipo onsite e offsite.

Onsite è necessario analizzare le prime pagine dalla serp per capire che paniere di keywords ha usato la concorrenza, e cercare di rivedere la pagina in modo da renderla più performante. Off site è necessario iniziare a fare link building sulla medesima in modo da incrementare la sua reputazione agli occhi dei motori di ricerca. Questa pratica va utilizzata con parsimonia tenendo sempre conto della qualità e dell’attinenza del link che andiamo a posizionare.

Se il sito è nuovo è necessario attendere più tempo, e farsi consigliare da dei seo strategist in modo da incrementare la probabilità che i nuovi post finiscano nella prime pagine.

https://www.webcommunicationtools.com/

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl