Disfunzione erettile e impianto protesico

10/mag/2017 14:04:57 Elitefarmacia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Impianto protesico: una protesi contro la disfunzione erettile

Alcune recenti statistiche rivelano che ogni anno circa 3.000 italiani affetti da disfunzione erettile necessitano di una protesi (impianto protesico) per sopperire alla problematica sessuale, ma che solo 1 uomo su 6 è disposto a sottoporsi ad intervento. In genere si tratta di uomini al di sopra dei 50 anni che a causa di interventi chirurgici per la rimozione del tumore della prostata o della vescica e a causa di gravi malattie cardiovascolari hanno riportato problemi di disfunzione erettile impossibile da risolvere con i trattamenti farmacologici per la cura della disfunzione erettile.


Nonostante i trattamenti farmacologici contro la disfunzione erettile siano efficaci nella maggior parte dei casi, gli studi confermano che 3 uomini su 10 soffrono di patologie che, occludendo totalmente le vene, portano alla comparsa di una disfunzione erettile su cui i trattamenti farmacologici (Kamagra Gel e altro) nulla possono fare.

Nei casi in cui i trattamenti farmacologici contro la disfunzione erettile non risultino efficaci, esiste una soluzione alternativa che è quella di una protesi da inserire mediante intervento chirurgico, ovvero l’impianto protesico, ma gli uomini italiani non ne vogliono proprio sapere e rifiutano a priori l’ipotesi di un impianto protesico.

Disfunzione erettile e impianto protesico: manca l’informazione

L’impianto protesico per mettere fine alla disfunzione erettile è una scelta fatta da un solo uomo su 6. Edoardo Pescatori, coordinatore Sezione regionale Marche - Emilia Romagna - San Marino della Società Italiana di Andrologia (Sia) spiega che la riluttanza degli uomini nei confronti dell’impianto protesico contro la disfunzione erettile deriva da diversi fattori, in primis la scarsa informazione sull’intervento di impianto protesico, a cui seguono la paura di parlare della propria disfunzione erettile ed il timore di affrontare un intervento chirurgico ancora poco valorizzato nel nostro paese.

A rendere più netto il rifiuto degli uomini nei confronti della protesi o impianto protesico anti disfunzione erettile c’è poi l’elevato costo dell’intervento chirurgico. Infatti l’intervento di impianto protesico per mettere fine alla disfunzione erettile ha un costo variabile che va dai 4 agli 8 mila euro e non in tutte le regioni l’intervento risulta essere a carico del Servizio Sanitario.

Сохранить

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl