Turismo in Italia, come arrestare il lento declino

Turismo in Italia, come arrestare il lento declino Turismo in Italia, come arrestare illento declino Il Bel Paese non è piace piú come untempo, i turisti stranieri sono sempre meno.

12/set/2007 12.49.00 Claudia Wünsch Communication Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Turismo in Italia, come arrestare illento declino

 

Il Bel Paese non é piace piú come untempo, i turisti stranieri sono sempre meno. Prezzi alti e disorganizzazionesono i principali fattori del declino, ma delle soluzioni ci sono e nemmeno cosídispendiose.

 

Negli anni 70 l’Italia era il paese piú visitatoal mondo. Il 10% dei turisti di tutto il mondo venivano a visitare le nostrecittá d’arte, i musei e le spiagge. Ma gli anni d’oro sembranoormai finiti, la concorrenza aumenta ed sempre piú forte e l’Italia perdedi anno in anno competitività ed attrattiva, piombando al quinto posto.

 

Diminuisce soprattutto la presenza tedesca, ifatturati dei ristoratori nel 2005 hanno registrato un calo del 13, 2%.

 

Il problema sembrerebbe risiedere nella confusionevenutasi a creare dopo lo smantellamento del Ministerto delTurismo, poichè la riforma del Titolo V dellaCostituzione, attraverso il federalismo turistico, ha affidato alleRegioni la potestà legislativa in materia turistica. Sui BeniCulturali, però, decide ancora lo Stato, mentre è materia concorrentela valorizzazione dei monumenti.

 

Oltre alle necessarie riforme istituzionali ènecessario investire in forme di marketing piú moderne ed innovative, chepermettono alle aziende, alle regioni ed agli enti italiani impegnati nelsettore del turismo di raggiungere in modo piú semplice e poco dispendioso ilproprio target.

 

Uno interessante studio dell’università diAugsburg in collaborazione con la società di Consulting “Convois”,ha dimostrato che la maggior parte degli utenti internet non pianificano ilproprio viaggio attraverso portali di viaggio classici ma attraverso i motoridi ricerca, soprattutto Google.

 

I risultati di questa ricerca dimostrano dunquel’importanza per gli enti ed operatori del turismo di investire nelmarketing attraverso i motori di ricerca, ovvero il Keyword Marketing.

 

Per maggiori informazioni consultare la nostra pagina:

 

http://www.claudia-wuensch.com/it/keyword_marketing.html

 

oppure contattateci direttamente all’indirizzo:

 

info@claudia-wuensch.com

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl