Il sesto senso? Una questione di nervi!

29/nov/2007 14.02.00 Stelor Informatica Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Lenuove scoperte della neuroscienza svelano come il sesto senso esista esia da porre in stretta correlazione con la fisiologia del nostrosistema nervoso.

Chi dinoi può dire di non aver avuto un’esperienza di sesto senso nella vita?Sia che queste sensazioni si presentino con continuità, sia che virendiate conto di esse in modo discontinuo, sicuramente sapete di cosastiamo parlando.

La vera novità ci arriva daun istituto di ricerca di Londra, la University College Medical School,che attraverso un importante studio si è chiesta se fosse possibile chele sensazioni generate dalle percezioni interne delle persone potevanoeffettivamente modificarne il comportamento.

I primi risultati non si sonofatti attendere. Da questo studio è emerso come molte persone siano ingrado di utilizzare il feedback proveniente letteralmente dai proprifasci nervosi per ottenere sensazioni di rilassamento e calma davanti asituazioni complesse.

Le nuovescoperte della neuroscienza svelano come il sesto senso esista e sia daporre in stretta correlazione con la fisiologia del nostro sistemanervoso.

Secondo gli scienziatiuniversitari le sensazioni partono fisiologicamente dall’addome, e sonotrasportate grazie ai fasci di nervi ed al sistema nervoso fino alcervello, che provvede ad elaborare le informazioni fornendo alla menteconscia degli elementi utili sull’ambiente che ci circonda chealtrimenti non saremmo in grado di percepire. Queste informazioniaggiuntive, che spesso si rivelano decisive per fare scelte migliorinella vita, vengono catalogate nella vita comune come sesto senso.

In Italia simili ricerchevengono portate avanti dal Dr. Francesco Martelli, fondatoredell’Intuition Training, attraverso un percorso formativo che si occupadi insegnare alle persone come prendere consapevolezza delle proprienaturali doti d’intuito.

“L’intuito è una dote innatanelle persone. Tutti ne sono dotati, anche se non tutti sanno comeimpiegarlo correttamente nella vita di tutti i giorni” ha affermato ilDr. Martelli. “Le ricerche dimostrano come sviluppare le intuizioniaumenti considerevolmente anche la creatività e le abilità di problemsolving, oltre al proprio benessere. Per questo motivo abbiamo creatoun percorso formativo su basi scientifiche dedicato all’apprendimentodi strategie utili per sfruttare le intuizioni che ognuno di noipercepisce nella propria quotidianità”.

Grazie ai ritrovati dellaricerca scientifica sulla neurofisiologia umana arrivano così molterisposte a fenomeni conosciuti da ognuno di noi, ma ai quali non erafacile dare una spiegazione razionale. Con le nuove scoperte dellascienza si apre non solo un mondo di risposte su alcuni degliinterrogativi che più affascinano l’umanità dal suo nascere, ma anchedelle risorse concrete per migliorare la vita di migliaia di personenel mondo.

Fonte:
http://www.francescomartelli.info
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl