MAGNUS EÉN (WESTWING): "OCCUPATEVI DEL VOSTRO CORE BUSINESS - E LASCIATE CHE UN ESP SI OCCUPI DELLE VOSTRE E-MAIL."

19/giu/2018 21:58:54 Marketing Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 L'e-mail può essere uno strumento di base per il marketing e per le comunicazioni con i clienti, ma è il vostro core business? Magnus Eén di Westwing descrive come le aziende online possano trovare il loro equilibrio tra competenze interne ed esternalizzate.

Perché Westwing ha deciso di esternalizzare le e-mail transazionali a un email service provider (ESP)?

MAGNUS EÉN: Sono venuto a Westwing circa quattro anni fa, e l’esternalizzazione era stata decisa già qualche anno prima del mio arrivo. Ma penso che la decisione sia stata presa in quel momento perché non avevamo tracciamento o rilevamento statistico delle nostre e-mail transazionali. Questa era la ragione principale, oltre ai nostri motivi interni, perché non avevamo le risorse in quel momento per occuparci.

L'invio di e-mail transazionali richiede la stessa impostazione tecnica dell'invio di e-mail in blocco, quindi non aveva molto senso per noi configurare tutto internamente per poi usarlo solo per le e-mail transazionali.Magnus Eén

Ci sono stati anche degli dubbi sull'outsourcing dell'e-mail transazionale?

EÉN: Penso che questo sia lo stesso motivo principale per cui continuiamo a esternalizzare le nostre email transazionali: per evitare un grande sforzo da parte nostra con guadagni minimi.

Ma l'outsourcing rende più semplice il nostro panorama tecnico, perché è un componente in meno da tenere sotto controllo. Abbiamo un plug-in del nostro ESP per tutte le statistiche pertinenti e questo lo rende molto facile. Possiamo accedere a tutti i follow-up di consegna, e tutto in un unico luogo per quanto riguarda la posta elettronica. Inoltre, penso che ora anche DMARC (Domain-based Message Authentication, Reporting and Conformance), rende le cose più facili perché, in pratica, rende gli stream più facili da rintracciare.

Come lavorate con il vostro ESP per quanto riguarda i rapporti? Avete una struttura gerarchica ben definita?

EÉN: Non proprio. Quando si tratta di tracciamento, lo facciamo internamente al 100%. Riceviamo tutti i dati di tracciamento, naturalmente, ma per di più, penso che siamo un caso speciale perché anche i file di log del server di posta gli scarichiamo direttamente dal nostro fornitore di servizi. Questo ci consente di creare report dettagliati su ritardi, differimenti, ecc. Infatti, solamente quando abbiamo problemi che non possono essere controllati da noi stessi dobbiamo entrare in contatto con l’ESP. Ora abbiamo una ottima relazione con loro e questo di solito non è nessun problema. Ma per quanto riguarda i rapporti, facciamo tutto internamente.

Se un'azienda non vuole investire molto in risorse speciali, consiglieresti al fornitore di servizi di posta elettronica di fornirgli la segnalazione?

EÉN: Certamente sì. Oggi, la maggior parte dei fornitori di servizi di corriere ha rapporti sulla consegna perché questo è un argomento molto importante. Dovrebbe essere incluso in una certa misura nei servizi essenziali di base offerti da tutti i fornitori.
Voglio dire, solo guardando i tassi di apertura ecc. potremmo già sapere se qualcosa funziona o no. Quindi sì, penso che avere un provider di servizi di posta elettronica risolva molti dei problemi che avresti se lo facessi internamente.

Magnus Eén è stato speaker al CSA Summit di quest'anno. Per maggiori informazioni visitate:

https://summit.certified-senders.eu/english/read-outcome-1/gdpr-360-practical-use-cases-for-senders-and-receivers.html

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl