Omicidio su Second Life

Il titolo, Cellule staminali dell'anima, è anche il nome della Second Life del futuro dove sesso e violenza sono liberi e gli avatar possono anche partorire o ammazzarsi.

08/dic/2007 13.20.00 Maurizio Maglioni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

È uscito il primo romanzo italiano ambientato su Second Life. Narra le avventure di Mario Sambuci, grande talento per l’informatica, ma impacciato e comicamente maldestro nel mondo reale.

Il titolo, Cellule staminali dell’anima, è anche il nome della Second Life del futuro dove sesso e violenza sono liberi e gli avatar possono anche partorire o ammazzarsi. Nell’intreccio tra mondo reale e virtuale non sarà facile per Mario rintracciare amanti ed assassini.
Nella Second Life di Mario ogni ferita è curabile con cellule staminali, un rimedio che impedisce la morte degli avatar ma non degli umani.

Così, tra esilaranti tentativi di non farsi rovinare dalle donne, il povero Sambuci salta maldestramente tra il reale ed il virtuale, tra virago e truffatori, tra carceri ed ospedali con quel famoso difetto alla vista che fa vedere le cose per quello che sono veramente.


L'autore è Maurizio Maglioni, scrittore romano amante degli intrecci di generi letterari (fantascienza, humor, giallo).
Il volume si trova ovviamente solo su web (www.lulu.com)
Link:
La copertina di Cellule Staminali dell'Anima



La potenza di Windows si unisce alle opportunità di Internet. Scarica Windows Live! Windows Live
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl