Padova: ancora molto da vedere, ancor di più da vivere...

10/set/2008 09.22.36 Deca's Universes - Servizi Web Marketing Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nonostante i vari bombardamenti che la città ha dovuto affrontare durante la Seconda Guerra Mondiale, Padova ha ancora bellissimi vecchi edifici da mostrare ai visitatori di tutto il mondo.

Padova, in effetti è una città molto antica, sorta da un piccolo villaggio di pescatori per poi divenire una delle principali città del Veneto. Inoltre, è anche la patria di una delle più antiche università europee e uno dei più grandi centri culturali e scientifici del medioevo. La città si presenta con stradine strette e lastricate in pietra che portano alla piazza principale “Prato della Valle” che catapulta il turista in un’affascinante atmosfera. Nel suo romanzo "Di là dal fiume e tra gli alberi" Ernest Hemingway scrisse di rovine romane intorno al ponte che porta alla stazione della città, tragitto emozionante se la luna illumina le serate a Padova.

Dopo la seconda guerra mondiale, però lo spazio della vecchia stazione è stato occupato da nuovi palazzi e questo è stato un vero peccato, visto il contenuto storico della stazione ferroviaria.

Fortunatamente, come detto in precedenza, non tutto è andato perduto ed i servizi centrali di origine medioevale sono restati intatti ai bombardamenti. Solitamente Padova non è considerata una vera e proprio meta turistica (principalmente per i turisti esteri) ma una volta visitata la maggior parte se ne ricrede.

Inoltre, la città è molto ben servita da ed accessibile con vari mezzi come treno, autobus o in auto da Venezia, Milano, Verona, Bologna e Mantova. L’attrazione principale della città è indubbiamente la Basilica di Sant'Antonio, decorata con affreschi di Altichiero da Zevio, lungo il bronzo con Madonna col Bambino e sei statue di Santi realizzate da Donatello.

Le reliquie di S. Antonio sono conservate nella Cappella del Tesoro, riccamente decorata con affreschi.
Un altro ottimo lavoro di Donatello è il monumento equestre del Condottiero Gattamelata Condottiero proprio in fronte alla basilica, dove è impossibile non trovare un ottimo ristorante a Padova. Inoltre, non dimentichiamo i grandi tesori architettonici della città, come il celebre Pedrocchi Cafè uno dei più grandi coffee bar del mondo.

A Padova, ogni cosa ha la propria simbologia, forse anche per l’affascinante storia di uno dei primi movimenti liberali studenteschi che hanno portato agli scontri grazie ai quali gli Austriaci sono stati spinti al di fuori del territorio italiano durante la seconda guerra.

Oltre a tutte queste meraviglie storiche ed architettoniche, non scordiamo che Padova è una delle città più attive di tutta Italia, sia dal lato produttivo ed imprenditoriale, sia dal lato del divertimento e dello svago. Difatti vengono organizzati sempre spettacoli a Padova oppure nelle immediate vicinanze e paesi di periferia.

A cura di Michele De Capitani
Prima Posizione Srl – Marketing operativo

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl