Liberalizzati i domini di primo livello

Il dominio di primo livello, in inglese top-level domain (abbreviato in TLD), è l'ultima parte del nome di dominio internet; è in altre parole la sigla alfanumerica che segue il punto più a destra dell'URL.

11/dic/2008 16.26.12 Pubbliway Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Fonte: www.pubbliway.com

E’ notizia di questi giorni che i domini di primo livello, a partire dal secondo semestre del 2009, saranno completamente liberi. Questo significa che non ci saranno più restrizioni al momento della scelta del nome del proprio sito internet.

Il dominio di primo livello, in inglese top-level domain (abbreviato in TLD), è l'ultima parte del nome di dominio internet; è in altre parole la sigla alfanumerica che segue il punto più a destra dell'URL.

La Internet Assigned Numbers Authority (IANA) classifica attualmente i domini di primo livello in tre tipi differenti:

- domini di primo livello nazionali (country code top-level domain o ccTLD): usati da uno stato o una dipendenza territoriale. È costituito da due lettere, per esempio jp per il Giappone e it per l'Italia, o l'ormai approvato eu per l'Unione Europea;

- domini di primo livello generici (generic top-level domain o gTLD): usati da particolari classi di organizzazioni (per esempio il .com per organizzazioni commerciali). Tale suffisso è di tre o più lettere. La maggior parte dei gTLDs sono disponibili in tutto il mondo, ma per ragioni storiche gov, mil e edu sono riservati rispettivamente al governo, all'esercito e agli enti educativi statunitensi;

- domini di primo livello infrastrutturali (infrastructure top-level domain): il dominio di primo livello arpa è l'unico esistente.

L'ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), l’istituzione deputata al controllo...

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl