FACT-Finder Ricerca: La funzione di ricerca sui portali di viaggi Il risultato: la ricerca libera è del tutto superflua

06/feb/2009 02.06.18 Press FACT-Finder Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

FACT-Finder, azienda tedesca leader in Europa nella funzione di ricerca di prodotti nei negozi online si pone le seguenti domande: come valutano gli utenti la ricerca libera nei portali di viaggio? come valutano gli utenti la usability dei portali di viaggio preferiti?

Dalla ricerca condotta da Fact-Finder emerge come una funzione di ricerca libera sia del tutto inutile e come i gestori dei portali di viaggio possono sfruttare al meglio il potenziale di ricerca.

 

Sempre più utenti prenotano i viaggi online

Dalla ricerca condotta su 600 utenti che abitualmente usano la rete emerge come  più di un quarto di essi non ha mai prenotato un viaggio online, ovvero non si sono neanche informati online sulle possibili mete turistiche presso i portali di viaggio. Appena la metà degli intervistati dichiara di averlo fatto da uno a quattro volte. Il restante altro quarto ha prenotato online o almeno si informato online dalle cinque alle dieci volte. Le cause dei „non utilizzatori“ è da ricercarsi, sempre secondo quanto dichiarato, o semplicemente per via di un mancato accesso continuativo ad Internet o per via della preferenza di un contatto personale con i tour operator. Altri intervistati invece segnalano la mancanza di poter personalizzare viaggi „complicati“, ovvero quelli con mete multiple e/o la possibilità di prenotare voli di ritorno da luoghi diverse.

 

La ricerca dai box di selezione contro la ricerca libera

Fino ad ora la ricerca online di viaggi avveniva ancora attraverso sotto-maschere con criteri prestabiliti. Le mete di destinazione, nonché i mezzi di trasporto e criteri di selezione, devono essere selezionati attraverso tendine prestabilite. Qualsiasi altra richiesta extra, come ad esempio „babysitter“, „campo da golf“ oppure „lezioni di immersione“ non è possibile ricercarla, obbligando gli utenti a visualizzare ogni singola offerta, nella speranza di leggere tali informazioni nelle note in piccolo. L'alternativa è rappresentata dalla „ricerca libera“ per parole chiavi, dando ampia libertà di ricerca (troppa!) agli utenti. Così se ad esempio  un utente desidera fare un viaggio ad Ibiza con il proprio cane e soggiornare in una tipica hazenda spagnola con aria condizionata e con piscina può inserire nel box di ricerca rispettivamente „animali domestici“, „hazenda“, „aria condizionata“, „piscina“, ottenendo quindi i relativi risultati della ricerca.

 

Ricerca libera:

Freitext-Suche: Je besser umgesetzt, desto höher die Zufriedenheit

Il risultato della ricerca dimostra chiaramente che la ricerca libera è di fatto per oltre la metà degli intervistati (56,8%) una „funzione positiva“. La riflessione logica è la seguente: più la ricerca libera è funzionale, più è efficace, più i clienti trovano esattamente e pi velocemente quello che cercano e quindi procedono all'acquisto.

Sempre dalla ricerca emerge che per il 22,8% degli intervistati tale ricerca libera è addirittura considerata una „funzione entusiasmante“ e che non ci si aspetta di trovare nei portali di viaggio, ma qualora ci sia l'utente dichiara di essere contento. Per l'11,2% è invece considerato una prerogativa indispensabile, una „funzione base“, per proseguire nella ricerca nei portali di viaggio. Infine il 7,9% considera tale funzione non importante e l'1,3% non la desiderano affatto.

 

Lo studio dimostra che i portali di viaggio devono modernizzarsi

La ricerca dimostra chiaramente che i portali di viaggio debbono offrire, qualora presente, una ricerca libera maggiormente user-oriented. Secondo l'esperto in e-commercio il Prof. Mario Fischer, Direttore dell'Istituto TMS, questi risultati non sono affatto sorprendenti: „Sono finiti i tempi i cui agli utenti si offrivano strumenti come il drop-down-box per la ricerca o, peggio ancora, quando si limitava la ricerca a poche parole chiavi. Anche i tanti test sulla usability condotti – prosegue Fischer – dimostrano come la ricerca interna sia non funzionale anche in importanti portali. Chi desidera essere vincente oggi giorno nel commercio elettronico – conclude il Direttore dell'Istituto TMS – necessita di una funzione di ricerca efficiente e senza errori, che non sia semplicemente integrata da qualche parte all'interno del sito“.

 

Gli utenti desiderano più comfort

Anche il settore delle prenotazioni complesse è da rivedere ed integrare, dato che fattori come ad esempio gite turistiche, sconti e suggerimenti personali e consigli non sono (ancora) così efficienti come nelle tradizionali agenzie di viaggio. Non di meno però tre quarti degli intervistati dichiara „buono“ il comfort di navigazione all'interno dei portali di viaggio (54,9%), ovvero „ottimo“ secondo il 20,6%. Questo non vuol dire che i portali di viaggio debbano adagiarsi sugli allori, visto che il 19% degli intervistati dichiara che la usability dei siti di viaggio è „soddisfacente“ (15,2%), „sufficiente“ (2,1%), „insufficiente“ o addirittura „scadente“ (entrambi 0,7% - il 5,8% non esprime giudizi).

 

La ricerca completa è scaricabile al seguente indirizzo: http://www.fact-finder.de/pdf/FACT-Finder_Reiseportalstudie.pdf

 


Chi siamo:


FACT-Finder è leader europeo nella ricerca di parole chiavi e navigazione nei negozi online. La soluzione „tolleranza errore“ sviluppata dalla società madre Omikron lavoro in modo indipendente dalla lingua in cui sono scritte le parole ricercate dagli utenti. Per questo motivo il software Fact-Finder viene usato sempre più anche in ambito internazionale.

Fact-Finder è facilmente integrabile e customizzabile e gira senza alcun problema sui siti dei negozi online. Tutte le impostazioni e gli update dei prodotti offerti in un negozio online possono essere ricaricate (refresh) dal sistema, senza dover andare offline. Subito dopo l'implementazione, il software Fact-Finder aumenta il tasso di conversione fra richiesta ed acquisto dell'utente: un ulteriore 10% è ottenibile mediante successivi aggiustamenti.

Fact-Finder è disponibile anche con soluzione ASP ed offre la possibilità di accedere attraverso le interfacce più diffuso, come Java, C, .NET und PHP.


Contatti:


Omikron Data Quality GmbH

Direzione Commerciale Italia - FACT-Finder

Via Kravogl, 32-34

I-39012 Merano (BZ)

Tel: +39 0473247179

Fax: +39 0236215540

www.fact-finder.it

info@fact-finder.it

 

Contatto Stampa:


Marino Casucci

press@fact-finder.it

Tel: +39 0473247179

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl