Appalto per realizzazione sito web? L’importante è partecipare!

Partecipare ad una bando di gara è come una corsa ad ostacoli (chi ci ha provato almeno una volta lo sa N.d.A.).

18/mag/2009 13.35.56 Ufficio stampa Gubbernet Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Come la Pubblica Amministrazione può azzerare le lungaggini della burocrazia negli appalti
pubblici sfruttando la potenza di una tecnologia semplice: la Posta Elettronica Certificata (un
sistema ingegnoso per recapitare i plichi, guadagnando tempo, risparmiando soldi e rispettando
l’ambiente).


Partecipare ad una bando di gara è come una corsa ad ostacoli (chi ci ha provato almeno una volta lo sa N.d.A.). La
documentazione da preparare è molta ed articolata, ma soprattutto il termine di consegna del plico è perentorio e
improrogabile: un minuto prima sei dentro, un minuto dopo sei fuori.

La Gubbernet web agency di Roma lo sa bene e per questo di fronte al bando di gara per la realizzazione e
manutenzione del sito internet dell’Unione dei Comuni “Marmilla” esplode un sentimento ambivalente.

Da un lato l’approccio entusiastico: “Il bando è bellissimo: un gruppo di comuni che unisce le forze per dare vita ad un
network online di servizi web al cittadino ed alle aziende. L’oggetto è davvero interessante. Partecipiamo!”.

Dall’altro lato una scoraggiante doccia fredda: “La scadenza è il 4 maggio oggi è il 27 aprile (!) considerando la
realizzazione della grafica, la stesura dell’offerta tecnica, il montaggio della demo online, la spedizione in Sardegna e il
fine settimana lungo del primo maggio abbiamo solo 48 ore. Non ce la faremo mai!”.

E invece la Gubbernet ce l’ha fatta. Come? Scopriamolo direttamente dal verbale della commissione esaminante:

«[…] entro le ore 12.00 del giorno stabilito, come da attestato dell'Ufficio protocollo dell’Unione dei Comuni, sono
pervenuti n. 14 plichi contenenti le offerte.

Tra i partecipanti alla gara la ditta Gubbernet S.r.l. ha proposto un iter alternativo e innovativo per la presentazione
dell’offerta, in base al quale tramite raccomandata A/R è pervenuto alla sede dell’Unione, entro il termine stabilito per
la presentazione delle offerte, un plico contenente due buste sigillate e controfirmate nei lembi. Nella prima busta è
stata inserita l’offerta economica e nell’altra una password da utilizzare per l’apertura dei documenti richiesti per la
partecipazione alla gara e dell’offerta tecnica, fatta pervenire dalla stessa ditta tramite e-mail, con posta elettronica
certificata, entro le ore 12:00 del giorno suddetto.

Tale procedura è stata ritenuta regolare dalla commissione di gara e pertanto l’offerta di Gubbernet S.r.l. è stata
ammessa. […]»

In pratica la Gubbernet ha escogitato un sistema semplice ed efficace per moltiplicare il tempo a disposizione: prima si
spedisce una password tramite raccomandata A/R (in tempo per garantirne la consegna anche tramite il servizio
postale) e poi, tramite Posta Elettronica Certificata (PEC), si spedisce tutta la documentazione in formato digitale
protetta da password.

E così come per magia (grazie alla PEC) 48 ore si sono trasformate in 7 giorni.

Qual è la morale della storia? La web agency romana è riuscita a partecipare, ma chi ha già vinto è l’Unione dei
Comuni “Marmilla”
.

L’Unione infatti ha saputo recepire con disinvoltura le direttive del CNIPA nell’adozione degli
strumenti digitali e (nei giorni in cui a Roma si svolge il Forum PA) è bello pensare che cittadini e imprese possono oggi
dialogare in modo nuovo e semplice con Enti Pubblici che ragionano ed agiscono al passo coi tempi.

In questo caso all’avanguardia.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl