World Class Manufacturing

07/ott/2010 16.03.55 LC lean Consulting Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nelle ultime settimane abbiamo sentito molto parlare del piano di rilancio della Fiat. Spesso i giornali e la televisione si sono soffermati esclusivamente sugli aspetti politico sindacali del tema, senza approfondire le questioni e le filosofie industriali.

Approfondiamo l'argomento con Lorenzo Compagnoni di LC lean Consulting, manager e consulente che per storia ed attenzione professionale è sempre stato sensibile a queste tematiche, che trovano la loro fonte primaria nella Toyota e nel “Lean Thinking” .

"La questione FIAT è balzata sulle prime pagine di tutti i quotidiani, ma non è sicuramente nuova.
Alcuni anni fa in un Summit di Confindustria a Torino, Marchionne affermò in modo chiaro: «In Italia si parla molto. Ma, poi, c'è il momento di agire. Abbiamo ancora due o tre anni per completare la ristrutturazione basata sulla filosofia Toyota del World Class Manufacturing (WCM)».

La questione della nuova Panda, da costruire a Pomigliano, nasce dal fatto che l’attuale modello è costruito in Polonia nello stabilimento di Tychy, nel quale è già ampliamente applicata la filosofia e la metodologia del WCM .
Lo stabilimento Polacco ha segnato i miglioramenti più sensibili in fatto di qualità e produttività di tutti gli stabilimenti Fiat in Europa".


Ma cosa si intende per WCM? Quale la filosofia guida di questo sistema? 


"Il WCM si pone l'obiettivo di sviluppare, a livello di eccellenza, le prestazioni dei sistemi operativi/manufacturing aziendali.
Concepito come un'innovativa filosofia di gestione e organizzazione delle fabbriche, il WCM si propone di:

  • attaccare gli sprechi e le perdite di qualunque tipo
  • coinvolgere tutte le persone che operano a tutti i livelli nell'organizzazione aziendale
  • applicare con rigore maniacale le regole, le metodologie e gli strumenti del WCM
  • diffondere e standardizzare i risultati ottenuti

Quattro i concetti chiave che identificano questa strategia:

Total Quality Control  (TQC)
Total Productive Maintenance  (TPM)
Total Industrial Engineering  (TIE)
Just in Time  (JIT)


Il livello di eccellenza dell'intero ciclo logistico-produttivo raggiunto con queste metodologie non ha eguali sul mercato. Tale livello è certificato dalle performance aziendali e da una migliore competitività dei prodotti.

L’applicazione degli strumenti e delle metodologie trae la propria forza dal coinvolgimento delle persone e dall’investimento sulle loro competenze. Il ruolo delle risorse umane a tutti i livelli, ai quali questo sistema di produzione richiede di esserepolifunzionali e polivalenti, diventa dunque fondamentale per l’obiettivo della qualità al primo colpo, indicato come l’unico modo per coniugare qualità e competitività.

Sicuramente Fiat perseguirà questa strategia per i suoi stabilimenti - conclude Compagnoni - ma chiederà ai propri fornitori diretti e indiretti l’applicazione di tale filosofia, per garantire la Qualità e la Competitività del prodotto finale.

La LC lean Consulting, da sempre sensibile a queste tematiche, è a disposizione delle aziende decise ad intraprendere un percorso di miglioramento continuo.
Un punto di riferimento importante perimplementare la produttività aziendale".

 

 

Lorenzo Compagnoni

LC lean Consulting

via Svizzera 4A

41012 Carpi - Mo -

tel  059 692871

fax 059 696935

www.lcleanconsulting.eu

http://www.kmg.it/upload/1262884446-1.pdf

http://www.kmg.it/upload/1273484894-1.pdf

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl