comunicato stampa

Comunicato stampa html: <h1>Dall'osservazione della foglia di loto alla creazione di seta, lana ecotone idrorepellente.

Persone Durante, George de Maestral
Luoghi Alpi
Organizzazioni Nike, Adidas
Argomenti abbigliamento, tessuti, industria tessile

02/nov/2011 18.00.11 Techstyle Uniforms Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato stampa html:

<h1>Dall'osservazione della foglia di loto alla creazione di seta, lana ecotone idrorepellente.</h1>
Da  secoli nuove  scoperte scientifiche  hanno facilitato la vita quotidiana,  alcune delle piu grandi sono nate tramite l’osservazione della natura.  La parola Velcro ad esempio e’ un acronimo delle parole francesi velours (velluto) and crochet (gancio).
George de Maestral nel 1941 durante una delle sue passeggiate sulle Alpi svizzere osservò come i minuscoli fiori di bardana continuavano ad attaccarsi ai suoi indumenti e alla pelliccia del suo cane mentre camminava. Dopo un attenta esaminazione al microscopio decise di sviluppare una chiusura originale che riproducesse i microscopici uncini dei fiori.
Un altra scoperta, piu’ recente, viene dalle <a href="http://it.wikipedia.org/wiki/Effetto_loto"> foglie di loto</a> che osservate al microscopio mostrano un rivestimento di una cera idrofobica di dimensioni nanometriche.
Per darvi un' idea di quanto piccolo parliamo, se si paragona un nanometro a un metro, è come paragonare la misura di un pezzo di marmo alla misura della terra.
La superficie della foglia non trattiene l’acqua ma lascia rotolare le gocce, la sua ruvidità invece è utilissima  per l'effetto autopulente, su una superficie liscia  le gocce slitterebbero, rendendo meno efficace l'asporto dello sporco.
Aziende italiane ed internazionali (Taiana, <a href="http://www.nanotex.com/index.html#"> Nanotex</a>, Nanogh, Ultraclean) hanno applicato l’effetto della foglia di loto ai tessuti.
La nanotecnologia consente ai liquidi di rotolare sulla superficie del tessuto come perle, senza lasciare una traccia. Grazie alla minuscola misura delle nanoparticelle, il trattamento non altera la morbidezza o la respirabilità del tessuto indipendentemente che sia seta, cotone, poliestere o lana, lasciando un capo ad alte prestazione che guarda bene e veste ancora meglio.
Le prime applicazioni nell’abbigliamento sono state nel settore sportivo da Nike, Adidas, New Balance etc a seguire alcune aziende come <a href="ita.techstyleuniforms.com"> Techstyle Uniforms</a> si sono focalizzate nell’abbigliamento da lavoro, in particolare, giacche da cuoco,<a href="http://ita.techstyleuniforms.com/products/beauty/"> casacche</a> , <a href="http://ita.techstyleuniforms.com/products/lab/"> camici</a> da farmacista e estetista
Durante la fabbricazione delle uniformi, piccole nanoparticelle sono fissate nelle fibre del tessuto, rendendolo idrorepellente, antimacchia e veloce asciugatura, aiutando l’operatore a mantenere un immagine professionale senza compromettere lo stile.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl