RETI DI IMPRESA PER RILANCIARE LE CALZATURE DEL BRENTA. Di Marco de' Francesco

12/lug/2012 00.44.17 IP Report Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

PADOVA – Strategia con azioni a breve e a medio termine per la scarpa veneta. Una tattica complicata perché, anche se sui dati 2012 non è ancora stato squarciato il velo, la cassa integrazione ordinaria (+ 87,2% nei primi tre mesi dell'anno per un totale di 137mila ore) fa pensare «a una leggera flessione rispetto al 2011 sia in termini di raccolta ordini che di produttività. Il 2012 è un anno critico». Lo ha affermato ieri il presidente dell'Associazione calzaturifici Riviera del Brenta (Acrib), Siro Badon nel corso dell'assemblea generale svoltasi a Padova. Ma già nel 2011 sono emerse difficoltà. Numeri alla mano, il sistema calzaturiero della Riviera del Brenta (diffuso sulle province di Padova e Venezia) ha fatto registrare 568 aziende attive ( - 3,8% sul 2010). 

 

CONTINUA

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl