Preservare una gioielleria Legacy New York

11/ott/2014 04:28:09 iabiti.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il roster di piccoli laboratori di gioielli nel quartiere dei diamanti di Manhattan continua contrazione ,vestito da ballo, Henry Dankner & Sons sta chiudendo e donando il suo lavoro di ufficio e muffe al dipartimento di design del gioiello presso il Fashion Institute of Technology .

Se non fosse per quel dono , la storia della famiglia di sfuggire ai nazisti in Ungheria e vincere fama a New York per il loro fascino meccaniche in oro ( con parti in movimento ) sarebbe in gran parte dimenticato.

Il proprietario , Robert Dankner , 86 , imparato il mestiere da suo padre , Henry , ed è stato a lungo in collaborazione con il fratello Giorgio. Egli ha venduto l'attrezzatura e svuotato lo spazio di lunga data della società all'indirizzo 71 West 47th Street .

Quando le squadre mobili sono arrivati , " ho dovuto dire loro: 'Per favore lasciami in questi pochi pezzi, ' " ha detto il signor Dankner , che punta a un mucchio di utensili a mano come ha confezionato alcuni dei suoi effetti personali rimasti .

Il Fashion Institute sta prendendo migliaia di stampi , così come fotografie, cataloghi e disegni che documentano l'uscita di Dankner . Essi comprendono disegni di piccole , ballerini twirling ; battere il cuore ; filatura tram ; e cavalli al galoppo . Guarda meccanismi di potere del fascino in movimento , che possono vendere per oltre 1.000 dollari ciascuno alle aste.

" Questo è oro archivistica ", lo storico gioielli Courtney Bowers Marhev disse mentre sfogliava immagini d'epoca che stavano per essere trasferiti all'istituto .

Mr. Dankner mantenuto gli stampi in scatole impilate fino al soffitto , recanti etichette come "cat musicista " e "scarpa bambino". Sulle pareti del workshop , ha appeso certificati del premio che suo padre ha ricevuto prima della seconda guerra mondiale .

Nel 1944 i nazisti presero tutto ciò che di valore al workshop di Budapest , lasciando dietro di sé i certificati . Mr. Dankner ha mai visto nessuno dei anteguerra riemergere gioielli della società sul mercato. "Penso che fondevano il tutto , " ha detto.

Nel 1950 la famiglia riavviato l'azienda a New York , lavorando regolarmente 18 ore al giorno . Mr. Dankner suggerisce che la lunga fatica era in parte un tentativo di sfidare gli sforzi dei nazisti per spazzare via la cultura ebraica . " Era subconscio , per dimostrare il punto che non potevano farlo ? " Pensò .

Nel 1990 la famiglia ha ricevuto un risarcimento minimo da parte del governo ungherese per il furto nazista. "Ho usato i soldi per comprare una bella tovaglia per ognuna delle mie due figlie ", ha detto Dankner .

Durante la sua uscita di picco , dal 1960 agli anni '80 , il laboratorio di gioielleria aveva 27 dipendenti . Gli articoli sono stati timbrati con un D circondato da una corona , ei distributori elite inclusi Cartier , Harry Winston e Van Cleef & Arpels .

Mr. Dankner " rappresenta un periodo meraviglioso nel periodo d'oro del 47th Street , " Michael Coan , presidente del dipartimento di gioielli di design del Fashion Institute , ha detto in un'intervista . Mr. Coan ha detto che anche immaginato ispirazione creativa nuovi gioielli dell'archivio Dankner . "Non c'è ragione per la sua roba deve morire o mentire a riposo, " ha aggiunto.

Mr. Dankner ha detto che stava pensando di prendere lezioni presso l'Art Students League . "Sono ancora solo un principiante , " ha detto.

Ha detto che mentre era " molto gratificante " per sapere che l'archivio sarebbe conservata , una parte di lui avrebbe voluto continuare a fare gioielli . "Ho ancora i succhi di frutta che scorre ", ha spiegato il signor Dankner .

Dove i piedi di un poeta calcato
Continua a leggere la storia principale
Continua a leggere la storia principale
Pubblicità

Modelli di usura fatta da piedi di Emily Dickinson , mentre camminava intorno al suo letto di sole in Amherst , Massachusetts , con il suo cane Terranova, Carlo , sono emerse da sotto il pavimento lucido del 20 ° secolo sormontate da tappeti. Il Museo Dickinson Emily , che occupa due case della sua famiglia del 19 ° secolo , sta tornando nella sua stanza alla sua configurazione originale , sulla base di tali indicazioni spettrali.

Lo storico decorative arti Nan Wolverton , tra gli altri studiosi , nick esaminato e fori di chiodi negli strati e ciuffi di carta e vernice sulle pareti pavimento . Nei prossimi mesi , i visitatori potranno vedere tappeti geometrici e floreali storicamente accurato e carta da parati tornati alla camera da letto . Arredamento includerà cimeli di Dickinson e copie esatte , come un mogano impiallacciato letto originale slitta che sminuito il poeta e una riproduzione di un piccolo tavolo in un angolo , dove ha scritto . Scritti familiari sparsi e inventari suggeriscono che anche decorato la sua stanza con i ritratti dei parenti e degli scrittori che ammirava , tra cui il suo amico Samuel Bowles .

Snuffers candela e una clessidra saranno a disposizione pure. " Questa è la parola chiave , ' spegnere '", ha detto Jane Wald , direttore esecutivo del museo . Poesie di Dickinson , dopo tutto, si riferiscono al passare del tempo , dissolvenza luce e il deterioramento della vista .

Il museo sta analizzando altri ritagli di carta da parati, le configurazioni della porta e fantasmi pedana in casa di riprodurre layout camera fedeli e decorazioni . Una piccola serra di vetro che è stato abbattuto un secolo fa, può essere ricreato e usata per spiegare il fascino del poeta con gigli, felci , margherite e eliotropi .
Foto
Un bozzetto ad olio di Gustav Klimt per il suo murales "medicina" per l'Università di Vienna. Credit Israel Museum

UN LAVORO KLIMT LIBERATO

Turn - of-the - secolo, i soffitti affrescati di Gustav Klimt per l'Aula Magna dell'Università di Vienna sono state distrutte durante la Seconda Guerra Mondiale , quando gli ufficiali nazisti fecero saltare in aria un castello nella campagna austriaca , dove l'arte era stato stoccato temporaneamente . The Israel Museum di Gerusalemme ha appena acquisito un abbozzo per un murale per una somma non rivelata .

Christie organizzato la vendita a trattativa privata per i proprietari di lunga data , la famiglia Wittgenstein , i cui antenati avevano acquisito lo studio , per un murale dal titolo " Medicina ", da Klimt . Il dipinto fu commissionato in onore della scuola di medicina dell'università , ma Klimt ha visto l'assegnazione come un'opportunità per descrivere la malattia e la morte . Gli storici dell'arte Patrick Bade e Jane Rogoyska hanno descritto " medicina " come " caotica , quasi infernale ", con un turbinio di teschi e degli organi fallimentari. Altri due murales realizzati da Klimt rappresenta lo studio del diritto e filosofia erano tableaux di mostri e gli esseri umani in trance . Quando i lavori sono stati presentati , mecenati e il pubblico li ha trovati minacciosa e inquietante ; Klimt fine riprese l'arte e restituito il suo costo.

Opere di Klimt sono stati a lungo nella lista dei desideri del Museo di Israele . Questo particolare acquisizione ha senso sia per motivi artistici e storici , dal potente narrativa del murale, alla reazione indignata dei patroni , alla preparazione zelante di esplosivi attorno al castello dove erano nascosti i murales dei nazisti .

Proprietà della famiglia continua aumenta anche l'appello del disegno. "E 'una provenienza totalmente incontaminato , " James S. Snyder , direttore del museo , ha detto in un'intervista .Per ulteriori informazioni, visitare:http://www.iabiti.it/gioielli-d600

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl