La nascita del trattamento stonewash

27/feb/2017 13:10:46 Lorenzo Marzola Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Che cos'è il trattamento stonewash?

Il trattamento stonewash (o stonewashed, letteralmente “lavato con pietra”) ha la funzione di rendere visivamente invecchiato un capo nuovo, mantenendone la vestibilità e il comfort.

Come?

Attraverso un procedimento di lavaggio con l’utilizzo di pietra pomice, grazie al quale un paio di jeans, ad esempio, compresi tutti i suoi componenti quali passanti, orli e cuciture risultano “magicamente” invecchiati.

Al di là dei gusti estetici soggettivi, il trattamento stonewash ha i suoi vantaggi:
-    tessuto più morbido
-    tessuto più destrutturato

Quando nasce il trattamento stonewash?

Le sue origini nascono nella tecnica di bleaching, dove si usavano acidi chimici per sbiancare i tessuti, alla ricerca dell’effetto “slavato”.

Ma è a metà degli anni ’80 che vede la nascita del trattamento stonewash: grazie all’azienda di moda Diesel, che decide di applicare la pietra pomice ai jeans denim, ottenendo un risultato mai visto prima e un successo planetario.

Nonostante possa sembrare una contraddizione, rendere vecchio un capo nuovo si rivelò essere una mossa strategicamente vincente, in quanto offriva la possibilità di indossare capi incredibilmente morbidi e comodi, regalando uno stile inconfondibile.

Perché nasce il trattamento stonewash?

Utilizzare sostanze chimiche sui capi di abbigliamento, come nella tecnica di bleaching, si rivelò presto essere una soluzione a lungo termine controproducente, in quanto sottoporre costantemente un capo d’abbigliamento all’attività di un acido diventava un’attività poco controllabile.

Risultato? Molto spesso si otteneva un effetto cromatico indesiderato se non addirittura si macchiavano i capi d’abbigliamento.

Col passare del tempo, però, le pietre sono state calibrate per ottenerne di sintetiche, con addirittura, in alcuni casi, l’iniezione al loro interno di sostanze colorate sotto forma di pigmenti, che rilasciano colore durante le fasi di lavaggio.

Nearchimica ed il trattamento stonewash

Oggi, la tecnologia ci viene in soccorso, con prodotti che facilitano la lavorazione nel trattamento stonewash: come NEARISERVE D-SW, il disperdente-saponante studiato da Nearchimica, per ridurre lo sporcamento della trama bianca, che si verifica durante la lavorazione.

Il NEARISERVE D-SW dà ottimi risultati anche se impiegato nella sbozzimatura enzimatica, lasciando riservate sia le parti in fibra cellulosica, come ad esempio il cotone, che quelle in fibra sintetica (poliestere).

Qua puoi ottenere più informazioni sul prodotto di Nearchimica S.p.A. per trattamento stonewash NEARISERVE D-SW

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl