comunicato stampa "otto donne e un mistero"

comunicato stampa "otto donne e un mistero" Se dico donna dico danno.

Allegati

31/gen/2008 11.49.00 Elisa Toscano Relazioni Pubbliche e Marketing Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Se dico donna dico danno.
Quando le donne sono otto, si tratta di assassinio!
La compagnia teatrale “Teatro delle Nevi” e i suoi soci
fondatori Rodolfo Torrisi, Maurizio Panasiti ed Ernesto
Mangano, dopo il successo di Mai stata sul Cammello
(commedia tutta al femminile), per il secondo anno investono
in un’altra commedia di sole donne “Otto donne e un
mistero”, commedia in due atti di R. Thomas, la cui
versione cinematografica 8 Femmes, scritta e diretta da
Francois Ozan, vinse l’Orso d’argento al Festival di
Berlino 2002.
Lo spettacolo andrà in scena giorno 8 e 9 febbraio alle
ore 21.00 e giorno 10 febbraio alle ore 19.00 al Teatro
Grotta Smeralda di Aci Castello (CT).
Una commedia articolata, divertente, coinvolgente che offre
numerosi stimoli di riflessione sui tempi moderni e sulla
quantità di menzogne nascoste dietro i buoni sentimenti,
fino a quando una situazione estrema non costringe a
svelarle.
In una sperduta villa della campagna francese un uomo viene
assassinato. Fuori nevica e i presenti rimangono bloccati e
senza telefono. Sono otto donne: la moglie, le due figlie,
la suocera, la cognata, la sorella, la governante, la
cameriera. Tutte hanno una qualche relazione con il morto e
una motivazione per ucciderlo.
Otto donne e un mistero di Robert Thomas, è un giallo
proposto in chiave comica dove i colpi di scena si
susseguono vorticosamente in una galleria di tipi femminili
che nascondono un groviglio di storie interpersonali.
La malizia, l’avarizia, la lussuria, l’invidia, la
gelosia questi alcuni dei peccati insiti nei personaggi
interpretati magistralmente da otto attrici che
arricchiscono la commedia con colpi di scena, ambiguità,
che coinvolgono lo spettatore nel turbine del sospetto e
della curiosità per la ricerca del colpevole. Sarà Gaby,
la ricca moglie interpretata dalla prima attrice Liliana
Biglio, già apprezzata in ambito nazionale con una
nomination quale miglior attrice alla festa del teatro del
settembre 2007, sarà forse Suzon, carattere messo in scena
da Annalisa Santarpia nella sua prima importante
performance, la giovane figlia appena giunta dal college
inglese che con sospetto indaga tra le donne di famiglia,
provocata e stuzzicata dalla sorella minore Catherine, falsa
ingenua che con estrema bravura è interpretata da
Giovanna Petralia.
Lussuria ed opportunismo sintetizzati dall’attrice Elisa
Toscano nei panni della sorella dell’assassinato
Pierrette; al suo opposto, l’isteria, la follia e
l’invidia le nuances della coinvolgente interpretazione di
Irene Tornabè nel personaggio di Augustine, la cognata.
Altre presenze che arricchiscono il ventaglio dei personaggi
sono Daniela Torrisi nell’avida suocera, Angela Barbagallo
nei panni si della governante Chanel, osservatrice
consapevole dello spettacolo di famiglia e la seduttrice
Louise, interpretata da Manuela Liotta nella sua prima
partecipazione alla compagnia Teatro delle Nevi.

Cura del dettaglio e soluzione registica di Rodolfo Torrisi,
aiuto regia Ernesto Mangano, Maurizio Panasiti. Mixer Audio
& Luci Alessandro Romeo
Trucco Fabiola Zaccaria. Foto Salvo Biglio. Riprese Alfio
Donsuso. Servizio Botteghino Laura Tornabè, Chiara
Mangano. Responsabili di sala Rocco Naselli, Elisa Porsio,
Jose Marano, Marco Musumeci, Giampaolo Indelicato.

Per informazioni. www.teatrodellenevi.it


[Allegato : 60.jpg]


[Allegato : 60.jpg]
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl