IMPRESAMIA.IT-CRISI – Tessile: chiude l'Arte Seta Alois

20/lug/2009 17.51.25 IMPRESAMIA.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

63 dipendenti senza lavoro

CRISI – Tessile: chiude l'Arte Seta Alois

Il 6 luglio scorso è stato comunicato, senza alcun preavviso, che l’azienda era in liquidazione. Da un giorno all’altro le maestranze impiegate nell’azienda tessile di Pignataro Maggiore si sono ritrovate senza lavoro. La causa è da ricercare nella mancata volontà di rinnovare gli investimenti da parte dei soci di minoranza che, per l’appunto, sono i fratelli Caterina, Antonio e Giosuè Alois. Sorta nel 1994 grazie alla triade in questione, a cavallo del 2002/03 socio di maggioranza diventava una società francese (la Nobilis) con una sede anche in Italia.
Fino a dicembre 2008 l’azienda produceva circa 235 mila metri di tessuti per arredamenti. Un ottimo risultato ma nonostante ciò chiudeva sempre in perdita. Se a questo si aggiunge la congiuntura internazionale che ha colpito l’intero settore tessile, allora è facile giungere alla conclusione della chiusura.
Tutti i dipendenti sono stati messi in cassa integrazione ordinaria da gennaio, effettuando quindici giorni di lavoro in azienda e quindi giorni a casa. Situazione già critica soprattutto per le famiglie monoreddito. Ma a questo si è aggiunta la liquidazione dell’azienda disposta in data 6 luglio 2009.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl