Comunicato gobbo latino, la nuova applicazione per riscoprire l'antico. ma quanto mai attuale, idioma a scuola, nel lavoro e nel parlare quotidiano

Comunicato gobbo latino, la nuova applicazione per riscoprire l'antico.

Persone Mario Mancini, Gaia OrlandiUfficio
Luoghi Italia, antica Roma, Vaticano
Organizzazioni Apple
Argomenti linguistica

29/set/2011 10.35.02 polo tecnologico Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Navacchio 29/09/2011

“Ubi maior”, “Una tantum” …il latino vive su iPad
Grazie a goWare-italian apps e Handcrafted Software, due aziende dell’Incubatore d’impresa del Polo Tecnologico di Navacchio


Il latino è una lingua morta? Tutt’altro, è quanto mai florida nel parlare comune e adesso è anche “pronta all’uso”, grazie ad un’applicazione per iPad che aiuterà a scoprire e riscoprire l’antico idioma a scuola, nel lavoro e nella quotidianità.

Dopo il dizionario dei dialetti, dei proverbi e la collana di filastrocche toscane, dal Polo Tecnologico di Navacchio, Goware e Handcrafted Software lanciano sul mercato delle App un prodotto che unirà divertimento ad utilità.

“Gobbo latino” è, infatti, l’aiuto per quanti cercano una frase con la quale dare forza a un’idea, a un concetto, a un sentimento o a un semplice stato d’animo: come un saggio dell’antica Roma, il Gobbo offre una sentenza latina che con la sua efficacia comunicativa ed emotiva sorprenderà ogni interlocutore.

Serve molto anche ai ragazzi che studiano latino nelle nostre scuole che di recente hanno riaperto i battenti. La nuova pedagogia del latino è quella di insegnarlo come una lingua viva, una lingua che ha influenzato il nostro modo di parlare, di pensare e di comunicare. Ecco che i ragazzi, grazie al Gobbo suggeritore, possono attingere a un grande database di parole vive nella lingua italiana in tutti i suoi gerghi.

Dal "tabulae” di cera dei tempi dell’Impero alla “tavoletta” della Apple dei giorni nostri, il latino ha conservato tutta la sua forza, con centinaia di espressioni e parole che fanno parte della lingua italiana.

Locuzioni vive come «una tantum» che ricorre nel descrivere taluni provvedimenti fiscali varati dal governo, forme di elargizione «per una volta soltanto» utili a far cassa, soprattutto nei momenti difficili. E poi ci sono parole come «sponsor» che tutti direbbero un vocabolo inglese, ma lo è solo di passaggio, perché è ritornato in Italia dopo essersi diffuso nei Paesi anglosassoni; deriva dalla radice del verbo latino «spondere» e significa «garante» o «mallevadore».

Ma la cosa interessante è anche che nuovi termini latini sono stati coniati dalla comunità degli studiosi e anche dallo Stato del Vaticano (la cui lingua ufficiale, non dimentichiamolo è il latino) per identificare parole nate quando il latino non c’era più. Lo sapevate che teleobiettivo in latino si direbbe «telelenticula» e che se dovete andare a fare la spesa al supermercato potete dire che vi state recando al «pantopolium»?

 
dott.ssa Gaia Orlandi
Ufficio stampa  e comunicazione
orlandi@polotecnologico.it
tel.050/754130 fax 050/754140
cell.334/7658720
www.polotecnologico.it




_____________________________________
Mario Mancini
mmancini@me.com  
+39 340 428 4694
iPhone/iPad, think different!  
iPhone/iPad, vai in fuga!



_____________________________________
Mario Mancini
mmancini@me.com  
+39 340 428 4694
iPhone/iPad, think different!  
iPhone/iPad, vai in fuga!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl