Creare valore per il mercato

21/mar/2012 15.04.45 Blusfera Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

di Corrado Dal Corno

 

Essere innovativi non significa dimenticare o negare la realtà. Al contrario. Dal 2009 tutti noi lottiamo per sopravvivere alla crisi economica e trovare nuove modalità e nuove soluzioni per mettere a frutto i nostri investimenti e per continuare a far crescere l’economia e il nostro business. In questo contesto, ciò che fa e farà sempre la differenza in ogni azienda è il suo valore. Dassault Systèmes offre le soluzioni migliori con le quali le aziende possono più facilmente individuare i propri valori, trasferirli nei propri prodotti, dagli aeroplani ai beni di largo consumo, condividendone lo sviluppo attraverso la tecnologia 3D, e trasformarli in realtà.

Monica Menghini è fresca di nomina come Executive Vice-President Global Industry, Marketing & Public Relations di Dassault Systèmes, la multinazionale francese che, con l’integrazione di tecnologie per la ricerca intelligente di informazioni, funzionalità di social innovation ed esperienze virtuali realistiche in 3D, si propone come pioniere di una nuova era tecnologica: la 3D Experience come “catalizzatore di innovazione” che consente a tutti gli addetti di un’azienda di partecipare al processo di innovazione, contribuendo ad accrescere il valore offerto al cliente finale.
Donna, moglie e madre, italiana, ai vertici di una grande corporation dopo un’esperienza consolidata nel management di Procter & Gamble e Saatchi & Saatchi X, Monica Menghini impersonifica una sorta di “American Dream all’italiana”. A lei il CEO Bernard Charlès e il Board di Dassault Systèmes hanno affidato “la grande missione di guidare l’integrazione fra mercato e tecnologia per mettere a disposizione dei nostri clienti i valori più critici e fondamentali per il loro business, individuando e chiarendo i nostri e i loro obiettivi,” per usare le parole dello stesso Bernard Charlès.
“Sono fermamente convinta che tutti noi ci dobbiamo focalizzare sulla creazione di valore,” afferma Monica Menghini. “È l’unico modo in cui possiamo veramente armonizzare ciò che facciamo e offrire il giusto valore ai nostri clienti finali, nell’ambito business-to-business come in quello business-to-consumer. Oggi, il successo per tutte le industrie risiede nella capacità di creare valore per il cliente. Le aziende di successo sono quelle che hanno deciso di mettere la creazione di valore al primo posto fra le loro strategie di crescita. Ma la creazione di valore non è solo un concetto astratto, è un processo articolato chiamato “Framework del Valore” per il quale l’azienda deve capire chi, come e quando genera valore. Se non si capisce dove viene creato il valore, infatti, non ci si può assicurare che la catena del valore non venga mai interrotta. E, se è vero che al cliente finale interessa solo il risultato finale, è altrettanto vero che il risultato finale è valido solo se la catena del valore non ha subito alcuna interruzione e continua all’insegna dell’innovazione.”

 
Sulla base di queste considerazioni, Monica Menghini propone tre esempi concreti di creazione di valore, riferiti a tre settori industriali nei quali Dassault Systèmes vanta esperienze, competenze e implementazioni ad ampio spettro. Il primo è il settore delle macchine e degli impianti industriali, costituito da aziende che, nate in molti casi nel lontano Ottocento, sono oggi un po’ “imbolsite”, nel senso che stentano a trovare un modo di reinventarsi. “Anche in questo settore occorre cominciare a domandarsi quali sono gli aspetti ai quali i clienti attribuiscono maggior valore e che cosa è più apprezzato dai clienti finali; questo sarebbe il primo passo per iniettare nuovamente una massiccia dose di innovazione in un’industria, soprattutto europea, diventata un po’ troppo pigra,” sottolinea Monica Menghini. Di fronte a Paesi emergenti come la Cina, l’India e la Corea, oggi più veloci e aggressivi che mai, due valori fondamentali per questo settore sono “la rapidità di risposta alle richieste dei clienti” e “una risposta mirata e personalizzata alle esigenze dei clienti”. La domanda seguente è come arrivare a dare queste risposte. “Le aziende devono avere sistemi adeguati,” risponde Menghini, “una piattaforma di soluzioni che consenta loro, ad esempio, di creare, simulare e fabbricare una macchina modulare che possa essere adattata alle esigenze specifiche di ciascun cliente; e una piattaforma che consenta, ogni qualvolta vi si accede, di ritrovare tutte le informazioni e le competenze necessarie per configurare, personalizzare e realizzare la soluzione corretta al primo colpo.”
Naturalmente, le aziende non devono solo acquisire nuovi ordini, ma anche mantenere adeguati livelli di redditività. Oggi, nel mondo delle macchine e degli impianti industriali, il margine operativo è un problema molto sentito e delicato. “Come possono queste aziende cambiare il proprio business model? La chiave, come in molti altri settori, è la fornitura di servizi,” è la risposta di Monica Menghini. “Il margine operativo viene assicurato dalla capacità di un’azienda di digitalizzare, configurare, vendere, fornire e implementare servizi sulle macchine e sugli impianti che commercializza.”
Da uno dei settori forse più evoluti dal punto di vista tecnologico, Monica Menghini sposta i riflettori sull’industria della moda e dell’abbigliamento, “ad oggi probabilmente il settore industriale meno digitalizzato al mondo,” dice. “Chiedendosi che cosa apprezzano maggiormente i propri clienti, le aziende di questo settore possono trovare la risposta a ciò che stanno cercando nel loro business, in altre parole quali sistemi, software e piattaforme servono loro per affrontare e vincere le sfide del mercato. Nell’industria dell’abbigliamento contano due cose: la collezione di capi che deve essere prodotta e il luogo in cui deve essere venduta, cioè il negozio. Se guardiamo all’attuale scenario di mercato, con sei collezioni all’anno, rock star che si inventano look e trend ogni giorno, e grande velocità nel tradurre una tendenza in una linea di indumenti, fondamentalmente la moda è tutta uguale, dall’alta gamma al fast fashion. Il segreto per avere successo in questo settore è dare al consumatore uno spazio nel quale possa avere un’esperienza piacevole e coinvolgente; pertanto l’esperienza di acquisto in negozio è il valore più prezioso in questo business. Per questo motivo Dassault Systèmes mette a disposizione delle aziende retail tecnologie e sistemi che consentono di creare un nuovo negozio, interamente in 3D, completo in ogni dettaglio, dagli allestimenti interni, che rispecchiano l’anima del punto vendita, al merchandising, fino alla gestione delle categorie di prodotti esposti sugli scaffali. Ciascuno di questi elementi, da solo, è in grado di fare la differenza fra profitto e perdita, fra successo e fallimento! Proprio per questo, le soluzioni per la vendita al dettaglio sono le uniche che continueranno a crescere in questo settore; la piena padronanza e conoscenza dell’esperienza di acquisto del cliente è la chiave per la creazione di valore, tanto nel negozio tradizionale quanto nello shopping online.”
L’ultimo esempio proposto da Monica Menghini riguarda l’industria automobilistica. “Se le aziende di questo settore si ponessero la stessa domanda su ciò che interessa veramente ai propri clienti finali, probabilmente gran parte dei flop a cui abbiamo assistito non si sarebbero mai verificati,” afferma. “Quando si progetta una nuova auto, naturalmente è importante pensare a tutti gli aspetti di ingegneria e fabbricazione per realizzare una vettura priva di qualsiasi difetto tecnico. Ma la domanda che le case automobilistiche dovrebbero porsi è: a che cosa servirà quest’auto? È indispensabile sapere che cosa chiedono i clienti: un bagagliaio capiente, comodità, restare in contatto con la famiglia mentre viaggiano…? Perché sono questi gli aspetti che determineranno la scelta dell’auto!”
Tre esempi chiari e concreti del significato e dell’importanza del termine “creazione di valore” secondo Dassault Systèmes. “La creazione di valore è un processo che parte dalla nostra mente,” conclude Monica Menghini. “È uno stato mentale, un’attitudine a chiedersi che cosa vogliono i nostri clienti e come l’infrastruttura digitale oggi disponibile è destinata a cambiare la nostra azienda e la nostra organizzazione per realizzare questi valori.”

 

 Per maggiori informazioni:

ufficio.stampa@blusfera.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl